Il caso

Merano, il rombo delle motociclette fa scattare la protesta

Con il turismo tornato alla quasi normalità aumentano i centauri e con loro anche rumori e inquinamento: diverse le situazioni critiche



MERANO. Dopo il lungo stop imposto dalla pandemia e la bella stagione, finalmente sbocciata con i primi caldi estivi, hanno riproposto in maniera subito pesante il problema che causano i tantissimi motociclisti. Proteste arrivano un po’ ovunque, dalla val Passiria alla zona di Lana, dalla Venosta e da quasi tutti i paesi del Burgraviato.

Le lamentele e le preoccupazioni non mancano neanche in riva al Passirio. Soprattutto per la velocità dei biker e per l’inquinamento acustico e atmosferico che causano. La maggior parte dei biker proviene da Oltrebrennero e sceglie i passi Rombo e Giovo per entrare in Italia, dove i motociclisti proseguono le loro escursioni sulle due ruote nelle varie zone del Burgraviato, da dove, salendo attraverso le Palade o la val d’Ultimo, proseguono poi verso il Trentino e la zona del lago di Garda.

Le proteste si sono fatte sentire soprattutto in questo primo weekend di giugno sia in città che in Passiria dove i sindaci della valle le hanno subito recepite, tanto da ripetere l’appello che già avevano lanciato gli scorsi anni per un maggiore controllo lungo le strade. I motociclisti passano attraverso i centri abitati di San Leonardo, San Martino, Rifiano e Caines.

Lo fanno talvolta a velocità ritenute eccessive e quindi pericolose. Ma il rischio che corrono la popolazione e i turisti è elevato. Tra l’altro il passaggio dei biker è considerato fonte anche di inquinamento acustico e atmosferico: anche per questo si chiede un intervento più deciso alle forze dell’ordine.

Proteste si ripetono anche dalla zona di Lana, dove i motociclisti transitano diretti verso passo Palade o verso la val d’Ultimo, due strade che risultano le più frequentate durante i fine settimana. Il sindaco Harald Stauder aveva fatto presente la questione nel corso di un vertice con le forze dell’ordine e aveva ottenuto la promessa che i controlli sarebbero aumentati, anche con il concorso della polizia municipale.

Negli ultimi giorni il problema è tornato a essere sentito soprattutto da parte di chi abita in via Merano, dove ci si lamenta del pericolo causato dai biker che transitano a velocità elevate e anche per l’inquinamento acustico causato dalle moto. Gli abitanti sollecitano un aumento dei controlli e della presenza di carabinieri, polizia e vigili. In città non mancano le lamentele, soprattutto in via San Giorgio dove c'è sì il limite dei 30 chilometri all'ora, limite che nessuno dei biker rispetta. E.D.

















Altre notizie







Attualità