Finanziamenti

Merano, scongelati i contributi: le associazioni respirano 

Il Comune potrà attingere 2,4 milioni dall’avanzo di amministrazione per coprire l’esplosione dei costi per l’energia. Dal bilancio riemergono i fondi per i sodalizi


Simone Facchini


MERANO. Scongelati i contributi alle associazioni. In municipio hanno trovato il bandolo della matassa e come già annunciato qualche settimana fa i sodalizi possono guardare con serenità alle loro casse che finanziano le attività.

I soldi erano stati messi in freezer per sostenere il raddoppio dei costi dell’energia in capo al municipio. Da una lettera mandata ai sodalizi all’inizio di maggio, si ventilava l’impossibilità di erogare i contributi per fare fronte alle spese correnti.

Naturale lo sconquasso all’interno delle associazioni, prese di sorpresa, che cominciavano a depennare iniziative e progetti. Forse la missiva loro recapitata era stata affrettata e lasciava pochi spiragli. Tanto che le reazioni dei club avevano subito fatto correggere il tiro all’amministrazione che aveva parlato di “questioni procedurali”, senza nascondere il fatto che la bolletta energetica lievitata aveva creato crepe nei conti di via Portici.

L'assessore allo sport Nerio Zaccaria ha convocato le associazioni sportive per fare il punto della situazione. «Alla prossima seduta del consiglio comunale - spiega Zaccaria - e quindi verosimilmente il 13 giugno, voteremo il riequilibrio di bilancio. In base a ciò, e sulla base di una norma statale che risale a qualche settimana fa, potremo attingere dall’avanzo d’amministrazione 2,4 milioni d euro». Copriranno la maggiorazione delle spese per l’energia, «liberando così le risorse per le associazioni».

Esclusi intoppi, per la fine di giugno o per i primi di luglio i sodalizi potranno rilevare i bonifici sui loro conti correnti. La prima tranche di contributi, nel loro complesso, è di circa 900 mila euro. La parte restante (più o meno della stessa entità) dovrebbe essere versata entro la fine dell’anno.

















Altre notizie







Attualità