Maltempo

Nubifragio in Alto Adige, numerosi allagamenti e smottamenti

Tra le zone più colpite quella della valle di Anterselva. Bloccata la statale 51 Alemagna in località Fiammes. In Val di Fassa almeno cento persone evacuate e fatte sistemare nelle palestre cittadine



BOLZANO. Violenti temporali si sono abbattuti nelle ultime ore su diverse zone dell'Alto Adige.

Nelle zone colpite i vigili del Fuoco stanno effettuando numerosi interventi. In particolare in Val Anterselva il rio si è talmente ingrossato da creare uno smottamento.

Una frana ghiaiosa ha interrotto questa sera la statale 51 Alemagna in località Fiammes a Cortina d'Ampezzo, strada bloccata anche nei pressi di Passo Cimabanche.

La frana è stata causata da un violento temporale che ha interessato la zona. Diversi automobilisti sono rimasti bloccati e stanno attendendo l'apertura della strada nel parcheggio di un rifugio. I vigili del fuoco intervenuti da Cortina hanno verificato che non vi fossero veicoli coinvolti. In arrivo in mezzi movimento terra dal comando di Belluno per liberare la strada.

Maltempo in Alto Adige, le immagini dei danni e degli interventi dei vigili del fuoco

Un violento nubifragio si è abbattuto in diverse zone dell'Alto Adige, causando allagamenti e smottamenti: ecco le immagini dei vigili del fuoco al lavoro - LEGGI L'ARTICOLO

Sul versante altoatesino stanno intervenendo i vigili del fuoco volontari di Auronzo e Dobbiaco. Diversi interventi per allagamenti a Cortina.

In Trentino, dove è stata diramata una allerta gialla dalla Protezione civile, una bomba d'acqua si è scatenata sulla valle di Fassa, provocando allagamenti in alberghi e case private a Mazzin, Pera, Vigo, Pozza, e altri paesi della zona.

Nubifragio in Alto Adige, la furia dell'acqua che invade le strade

La furia dell'acqua che esonda e invade le strade in Alto Adige: le impressionanti immagini girate dai vigili del fuoco

Almeno cento persone sono state evacuate, in particolar modo nella zona di Sen Jan dove sia alberghi che case private sono state fatte svuotare: le persone hanno dovuto seguire i vigili del fuoco nelle palestre della zona e nelle strutture della Protezione Civile.

Tutti i corpi dei vigili del fuoco volontari sono operativi e anche altri corpi di volontari stanno arrivando in zona per dare supporto. La strada statale S48 delle Dolomiti è bloccata in più punti per frane e smottamenti.

Anche in Alto Adige sono stati decine gli interventi dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza di strade e abitazioni, anche per via degli alberi abbattuti dal vento. In val Badia sono caduti oltre 90 litri di pioggia al metro quadro in poco tempo e numerose strade sono chiuse.

L'area intorno a San Martino in Badia è stata la più colpita: in un'ora, a partire dalle 17.20, sono caduti quasi 100 millimetri di precipitazioni per metro quadro. Per fare un confronto: a Bolzano, la quantità più alta di precipitazioni registrata finora è stata di 112 mm per metro quadrato nella notte tra il 31 gennaio e il 1° febbraio 1986 - ma nell'arco di 24 ore.

La situazione meteo è migliorata nella serata. Nella nottata è prevista un ulteriore miglioramento. Per domani nel corso del pomeriggio e della serata sono invece previsti e possibili nuovi temporali. In giornata sono stati registrati più di 200 interventi.

Circa 1000 Vigili del Fuoco volontari di 50 Corpi sono in intervento dalle prime ore del pomeriggio. In intervento è anche il Corpo Permanente dei Vigili del Fuoco ed il personale dei Bacini montani che è impiegato per monitorare la situazione e attivare le misure necessarie per ripristinare la sicurezza dei corsi d’acqua. In Val Pusteria per coordinare i soccorsi è stata attivata la centrale distrettuale. A Bolzano in serata è stato attivato il Centro situazioni provinciale per valutare l’evolversi della situazione.

Le zone più colpite

Alcune zone sono state particolarmente colpite. Nella zona di Fleres è esondato il torrente Korbbach. Il materiale trasportato dal torrente ha coinvolto alcune case ed una stalla. Nella zona di Sorafurcia di Valdaora alcune auto sono state coinvolte da una frana. Per fortuna gli occupanti delle auto, in parte turisti, hanno potuto abbandonare per tempo le autovetture.

In Val Badia è stato evacuato preventivamente un albergo. Gli occupanti sono stati alloggiati in altre strutture nella zona di Brunico. Nella zona di Valdaora sono stati allestiti per sicurezza 50 letti provvisori. A San Vigilio di Marebbe sono stati danneggiati alcuni ponti. Alcune vetture sono rimaste bloccate tra le frane scese sulle strade.

Nella zona di Rasun-Anterselva, Cengles e in Val Martello sono cadute numerose frane che non hanno creato particolari danni. A monte di Brunico la briglia Funi si è riempita di materiale trasportato dalla Rienza, proteggendo l’abitato di Brunico. Nei prossimi giorni la briglia verrà liberata dal materiale. In nessuna zona si registrano feriti.
La situazione sulle strade

In seguito alle frane è stato necessario chiudere diverse strade. Sulla strada statale della val Badia tra San Martino in Badia e La Valle e tra Piccolino e Pederoa, i lavori di pulizia sono in pieno svolgimento. È stato necessario chiudere anche la strada statale per Cortina, nei pressi di Carbonin.

La strada provinciale da San Vigilio al Passo Furcia è di nuovo percorribile, ma quella da Valdaora deve rimanere chiusa per il momento, riporta il direttore del Servizio strade della Provincia, Philipp Sicher.

La strada che dal lago di Anterselva conduce al Passo Stalle non sarà certamente aperta al traffico fino a lunedì.

Anche la ferrovia della Val Venosta a Rablà ha dovuto essere chiusa brevemente a causa delle inondazioni. Nel frattempo, i treni sono tornati a circolare.

















Altre notizie







Attualità