l’allarme

Doppio colpo in hotel in val Badia

Presi di mira sia lo Sporthotel Teresa che il Miramonti che si trovano lungo la stessa strada a Pedraces. È stato utilizzato in entrambi i casi un piede di porco

di Ezio Danieli

VAL BADIA. Era da prima dell'arrivo della pandemia che i ladri non facevano irruzione in Alta Badia. L'altra notte, cercando di sfruttare l'alta presenza di turisti in zona, sono tornati in azione prendendo di mira due alberghi vicini uno all'altro.

E sono riusciti ad andarsene con un bottino di alcune migliaia di euro dopo aver creato però danni consistenti. 

I malviventi hanno preso di mira lo Sporthotel Teresa e l'hotel Miramonti, entrambi ubicati in via Damez a Pedraces, frazione di Badia.

Identica la tecnica usata per introdursi nelle sue strutture alberghiere, il che lascia presupporre che sia stata un'unica banda specializzata a compiere i due furti. La prima incursione è stata portata a termine, in piena notte, nello Sporthotel Teresa che si trova ai lati della statale prima dell'abitato di La Villa.

Con un piede di porco i ladri hanno forzato la porta di ingresso facendo ingresso dell'albergo. Una volta all'interno hanno avuto vita facile nell'individuare il denaro in contanti lasciato probabilmente nella zona dell’accettazione degli ospiti.

Hanno creato non poca confusione ma anche danni. Il bottino è stato comunque consistente: secondo i carabinieri l’ammontare del colpo è però ancora da quantificare esattamente.

I malviventi hanno lasciato lo Sporthotel Teresa e si sono diretti all'albergo Miramonti che è poco distante: si tratta di un hotel a tre stelle di recente ristrutturato. Anche qui con un piede di porco hanno forzato la porta di ingresso e una volta entrati si sono diretti verso il registratore cassa che è stato forzato, asportando tutto il contante che c'era. Poi i malviventi sono scappati facendo perdere le loro tracce.

La denuncia dei derubati è stata fatta ai carabinieri di Badia. I militari dell'arma, tramite una mail, hanno avvisato tutti gli alberghi della valle dei furti invitando a prestare la massima attenzione e di usare tutta la prevenzione possibile per evitare visite notturne poco simpatiche.

I due furti a Badia , effettuati dopo un periodo di relativa calma, si aggiungono a quello compiuto anni fa in una tabaccheria, a La Villa, quella di «Niky» Varallo. Non era ancora passata la mezzanotte quando due malviventi erano entrati in azione. Dopo aver reso inoffensivo il sistema di allarme, prima con un intervento alla centralina elettrica e poi attaccando direttamente l'allarme, i ladri avevano forzato una saracinesca, dalla quale si erano poi introdotti nel negozio.

Qui erano stati ripresi dalle telecamere; uno indossava un passamontagna, l'altro aveva il viso coperto da un casco. Avevano rovistato un po’ ovunque, ma probabilmente avevano fatto più rumore del previsto, tanto da essere sentiti dal personale del vicino albergo che aveva terminato il turno di servizio.