Mobilità

Lavori a passo Gardena: pronta a giorni la ciclabile 

La corsia per gli appassionati della bicicletta sarà lunga 600 metri e il costo dell’opera, combinata con la messa in sicurezza del versante franato, è di 800 mila euro


Ezio Danieli


PASSO GARDENA. Sulla strada del passo Gardena sono iniziati i lavori per realizzare una corsia per i ciclisti lunga 600 metri. Ha mantenuto l’impegno che si era preso l’assessore provinciale Daniel Alfreider, che conta che l’intervento sia finito prima di metà giugno, in concomitanza con l’arrivo dei primi turisti e in vista delle manifestazioni ciclistiche che culmineranno con la Maratona dles Dolomites all’inizio di luglio.

“Il tratto sarà lungo 600 metri – conferma Alfreider - in corrispondenza dei due tornanti che abbiamo iniziato a sistemare dopo la frana dell’inverno scorso. Purtroppo l’intervento per bloccare la frana non si è ancora concluso: il versante da cui è precipitata è ancora a rischio e c’è bisogno di ulteriori lavori che non impediscono di tracciare intanto la ciclabile.

L’intervento di bonifica del costone, compresa la pista per i ciclisti, ha costi nell’ordine degli 800 mila euro. Stiamo poi pensando di estendere la corsia per ciclisti a tutta l’arteria da Corvara fino al passo, come annunciato dal presidente Kompatscher”.

Lo smottamento dell’inverno scorso sta costringendo il Servizio strade della Provincia e il Comune di Corvara a una serie di interventi a monte di Colfosco.

Ci sono da sistemare due tornanti a rischio e bisogna spostare due piloni della seggiovia che da Colfosco porta nei pressi del rifugio Jimmy a passo Gardena. Il sindaco di Corvara Robert Rottonara spiega che “è compito del Comune controllare e monitorare lo smottamento. Il movimento franoso, evidenziatosi l’inverno scorso, purtroppo non s’è fermato”.

Resta, a proposito di passo Gardena, il rischio frane in estate e valanghe in inverno sul versante gardenese. “I tecnici del mio assessorato e quelli idrogeologici hanno perfezionato una serie di sopralluoghi e di rilievi - ha detto Alfreider - e tra poco dovrebbero fornire l’esito del loro lavoro e formulare una proposta di intervento che possa essere realizzata in breve tempo e nel rispetto dell’ambiente”.

La Provincia ha individuato da tempo una soluzione prevedendo l’allargamento della carreggiata e la sistemazione di muri, banchetti e del guardrail che sono in condizioni critiche. Pare tramontata invece l’ipotesi di spostare più a sud un tratto della strada di circa 500 metri per evitare così il tratto soggetto a caduta di massi in estate e di valanghe nei mesi invernali.

A proposito delle strade che portano ai passi, intanto stanno per concludersi sulla strada di passo Sella i lavori di posa dei guardrail per impedire i parcheggi irregolari che tanti problemi e proteste hanno provocato nelle scorse estati.

















Altre notizie







Attualità