l’evento

Sesto: tutti pazzi per Jannik! La grande festa circondato da amici e ragazzini: ecco come è andata

Dopo l'arrivo in municipio tra applausi e ovazioni e il saluto alla folla Sinner ha firmato il libro d'oro del Comune. Ad accoglierlo il sindaco Summerer e il presidente Kompatscher. Dopo ha raggiunto la Tennishalle, dove ha iniziato a giocare, per l'incontro con i ragazzini suoi fan

VIDEO/1 - Sesto pronta ad abbracciare il suo ragazzo diventato campione
VIDEO/2 - Ad attenderlo fra i tifosi c'è anche la nonna
VIDEO/3 - Il sindaco: "Persona semplice e speciale. Teneva l'ombrello agli altri come a Indian Wells". Kompatscher: "Idolo di tutti anche per il suo fairplay quando perde"

VIDEO /4 Jannik incanta i ragazzini
VIDEO /5 Parla il suo primo allenatore
FOTO L'abbraccio della folla a Jannik, che firma il libro d'oro del Comune

 

 



17.10 - Si è conclusa la grande festa per Jannik Sinner a Sesto Pusteria: il commento finale di Paolo Gaiardelli e Aliosha Bona.

A Sesto si è conclusa la festa per Jannik Sinner. Che torna al lavoro

È stata una giornata densa di emozioni, durante la quale non sono mancati nemmeno i momenti di commozione. Sesto ha celebrato Jannik Sinner, che dopo la festa pensa già al lavoro: c'è Halle e poi Wimbledon.

16.50 - Sinner ai ragazzi: "Sono molto contento di essere qui, un posto dove sono nato e dove ho vissuto la mia gioventù con gli amici e la famiglia. Sono contento di vedere tantissimi ragazzi qui e di condividere questo giorno con loro".

16.48 - "Ringrazio il padre e la madre di Jannik, perché quando uno diventa campione del mondo vuol dire che ha fatto un percorso netto, e la parte che conta di più è la prima, che dà un'indicazione precisa. Per diventare campioni non serve partire da grandi città, ma si deve partire da grandi valori, ed è quello che ci ha insegnato Jannik con la sua gentilezza". Lo ha detto il presidente della Federazione italiana tennis, Angelo Binaghi

16.20 - Parlano i primi allenatori di Sinner: «Che fosse forte lo avevo capito, ma che potesse arrivare lassù… Ma non è cambiato, è rimasto lo stesso bravo ragazzo»

Parlano i primi allenatori di Sinner: «Che fosse bravo si capiva, ma così... Però non è cambiato»

Andreas Schönegger e Heribert Mayr sono stati i primi allenatori di Jannik Sinner. Oggi lo hanno ritrovato numero 1 al mondo: «Una emozione fortissima: che fosse forte lo avevo capito, ma che potesse arrivare lassù… Ma non è cambiato, è rimasto lo stesso bravo ragazzo»

15.45 - I ragazzini ascoltano rapiti le parole di Jannik Sinner, che raccontra la sua storia

Jannik incanta i ragazzini raccontando la sua storia

A Sesto Pusteria continua la festa per Jannik Sinner: il numero 1 al mondo sta raccontando la sua storia ai ragazzini

15.00 - E' alla Tennishalle di Sesto Pusteria, dove ha imparato a giocare a tennis, applaudito da decine di ragazzini della sua valle, Jannik Sinner. E per loro c'è una sorpresa speciale: il grande trofeo degli Australian Open, quello assegnato dall'Atp al numero 1 al mondo e la Coppa Davis in una bacheca di vetro.

 

14.30. Jannik ha firmato il libro d'oro del Comune. Cosa c'è scritto lo spiega il sindaco Thomas Summerer: "Oggi il numero 1 dell'Atp ranking si è presentato a Sesto nel Comune del suo paese natale".

 

Durante la cerimonia, accompagnata dal corpo bandistico locale, Jannik ha salutato e ha ringraziato tutti i presenti, scherzando sulle sue competenze musicali e scolastiche e arrivando anche a tenere l'ombrello al presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, durante la firma. 

E' entusiasta dell'incontro il sindaco Summerer: "Lui è una persona semplice e speciale. Sì, teneva l'ombrello agli altri come a Indian Wells". Con lui il presidente Arno Kompatscher: "Jannik è l'idolo di tutti anche per il suo fairplay quando perde".

Jannik a Sesto. Il sindaco: "Persona semplice e speciale. Teneva l'ombrello agli altri come a Indian Wells"

Il campione ricevuto in municipio dal sindaco Summerer e dal presidente Kompatscher

 

14.15. Cardigan blu su camicia bianca: la solita eleganza discreta per Jannik che ha preso la parola davanti al Comune per ringraziare le centinaia di tifosi accorsi ad accoglierlo.

In centinaia per Jannik a Sesto: gli scatti della festa

Gli scatti della giornata di festa a Sesto Pusteria: il numero 1 al mondo è arrivato alle 14 nel paese dove affonda le sue origini. In centinaia ad attendere il tennista.

14.00 - Jannik Sinner è arrivato nella sua Sesto. Che lo celebra come un re, il re del tennis mondiale. Cori, applausi e ovazioni in centro storico. Il campione si reca in municipio per firmare l'albo d'oro del Comune. Ad accoglierlo il sindaco Thomas Summerer e il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher.

Jannik a Sesto, ad attenderlo fra i tifosi c'è anche la nonna

Per il campione un bagno di folla nel paese che lo ha visto nascere e muovere i primi passi nel tennis

13.45 - Due ali di folla attendono Jannik sulla strada che porta al municipio di Sesto. Non solo "turisti" ma anche concittadini. C'è anche una bandiera con il tricolore e la scritta: "Sinner numero 1. Sono un tuo vicino di Sesto".

 

 

13.15 - La pioggia non scoraggia il pubblico che si è raccolto davanti al municipio di Sesto, dove il sindaco Thomas Summerer e il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, sono in attesa dell'arrivo di Jannik, che alle 14 arriverà in carrozza e firmerà l'albo d'oro del Comune. E non potevano mancare "carota Boys" più o meno improvvisati.

 

13.00 - Tra i Sinner-fan arrivati a Sesto ci sono famiglie e persone di tutte le età. Tanti i ragazzini, che vivono con grande passione questo momento magico per il tennis italiano, protagonista assoluto a livello internazionale grazie a Sinner, che è crresciuto sportivamente proprio nella Tennishalle di Sesto. Lì alle 14.30 il nuovo numero 1 al mondo incontrerà i giovani giocatori dell'Alta Pusteria.

 

12.50 - Cresce l'attesa a Sesto Pusteria, dove i tifosi si stanno assembrando davanti all'abitazione di Jannik. Ce ne sono di molto  variopinti, come questo signore con cappello inneggiante a Sinner. Arancione naturalmente.

 

SESTO. È la grande giornata di Jannik Sinner, attesissimo oggi a Sesto, in Alto Adige, per i festeggiamenti organizzati nel suo paese natale. Il tennista, numero uno nel ranking Atp arriverà in carrozza alle 14 in municipio, dove sarà accolto dal sindaco Thomas Summerer e dal presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, e firmerà l'albo d'oro del Comune.

Jannik, Sesto Pusteria riabbraccia il suo ragazzo diventato campione

Il campione è atteso alle 14 in municipio dal sindaco Summerer e dal presidente Kompatscher. Alle 14.30 l’incontro con i giovani tennisti alla Tennishalle, dove ha iniziato a giocare (video Luca Ognibeni / DLife)

Alle ore 14.30 Sinner sarà alla Tennishalle, l'impianto sportivo dove ha mosso i primi passi. Sinner incontrerà i giovani tennisti dell'Alta Val Pusteria. Nel centro del paese di Sesto, dove sarà esposta anche la Coppa Davis vinta dagli azzurri a Malaga, è previsto un maxi schermo per seguire l'evento in diretta. Per l'occasione è prevista la presenza di centinaia di persone, tra curiosi e appassionati di tennis nel piccolo paese dell'Alta Pusteria.

"Abbiamo anche riasfaltato le strade per lui", ha detto nei giorni scorsi il sindaco Summerer. "Non vediamo l'ora - ha aggiunto - di poterlo riabbracciare e festeggiarlo come merita" In preparazione dell'evento, il primo cittadino ha incontrato ieri il comandante della compagnia carabinieri di San Candido, Simone Carlini, e il comandante locale, Gandellino Bucci, che coordineranno il servizio di sicurezza. I militari saranno impegnati anche nel regolare gli accessi al piccolo comune, che rimarrà chiuso nel centro storico al traffico veicolare.













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)