la novità

Val Gardena, carabinieri con l’ebike per controllare i sentieri di montagna

Si muoveranno nelle zone più affollate di turisti: attrezzature sportive costose spesso nel mirino dei ladri 



BOLZANO. In val Gardena e sull’Alpe di Siusi quest’estate i carabinieri inforcheranno le mountain bike elettriche per controllare i sentieri di montagna. Un modo – spiega l’Arma – per potenziare la vigilanza anche in quota, garantendo una presenza capillare sul territorio soprattutto nelle zone a forte vocazione turistica.

Il controllo del territorio è un elemento imprescindibile per  i carabinieri che da più di due secoli hanno tra i suoi primari obiettivi la presenza e il controllo in tutte le aree del Paese, anche le più periferiche e meno accessibili. Va poi tenuto presente che i servizi perlustrativi dei carabinieri vengono condotti per prevenire e reprimere l’illegalità e quindi sono orientati verso quelle zone di maggior presenza di persone. I turisti di tutto il mondo affollano le nostre montagne così d’inverno come d’estate. E così i Carabinieri sono sempre presenti sia tra gli sciatori che affollano – talvolta anche in maniera indisciplinata – i comprensori sciistici innevati, sia d’estate per la presenza di mulattiere brulicano di alpinisti e ciclisti di montagna.

Sia d’estate che d’inverno – sottolineano – la presenza delle forze dell’ordine è importantissima poiché le attrezzature sportive sono spesso molto costose e attirano i ladri: i furti di sci e di biciclette sono tra i reati più diffusi nelle valli frequentate dai turisti.

L’utilizzo di bici elettriche per visitare i bellissimi paesaggi che il nostro territorio ha da offrire, è un fenomeno in continua crescita e di sempre più ampia diffusione che, forse anche a causa di norme e prassi ancora in via di sviluppo, sta costantemente portando a un aumento delle richieste di intervento sia per comportamenti scorretti da parte dei ciclisti, sia per incidenti e scontri con altri fruitori della montagna.

Per far fronte a queste crescenti richieste, le ordinarie autopattuglie saranno quindi affiancate da militari specificamente formati ed equipaggiati per muoversi anche nei sentieri più stretti e impervi delle nostre montagne, rafforzando l’azione di controllo dell’Arma dei Carabinieri, che può adesso giovarsi di mezzi veloci, efficienti, assolutamente “green” e perfettamente adatti al bellissimo contesto della Val Gardena e dell’Alpe di Siusi.

















Altre notizie







Attualità