il delitto

Rasun, uccise l’ex marito con 8 coltellate: confermata la condanna a 18 anni per Mangafic

La decisione del cassazione per l’omicidio del dicembre 2016 



BOLZANO. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 18 anni di carcere per Dzenana Mangafic, responsabile dell'omicidio dell'ex marito Kurt Huber, di 71 anni.

La donna bosniaca, che oggi ha 61 anni e si trova in carcere a Trento, nel dicembre 2016 uccise l'ex marito con 8 coltellate all'addome, mentre lui, invalido, si trovata a letto nell'alloggio sociale in cui viveva a Rasun di Anterselva.

La donna, che dopo la separazione aveva continuato a frequentare Huber come sua badante, era stata condannata a 18 già in primo grado: una pena confermata poi dalla Corte d'assise d'appello e ora, in via definitiva, dalla Cassazione.

















Altre notizie

la tragedia

Il guidatore badiota del pick-up indagato per omicidio stradale 

La dinamica. L’uomo, un 55 enne di San Martino dipendente di una società di impianti di risalita, non ha frenato in tempo. L’impatto è avvenuto a ridosso delle strisce pedonali: la pioggia e il buio tra le probabili cause dell’investimento


Massimiliano Bona






Attualità