viabilità

Traffico verso il Brennero, serpentone di tir per 100 km. E Bolzano tagliata in due per il Giro

La coda di mezzi pesanti – dopo lo stop per la Pentecoste - arriva fino a Bolzano Nord. A questo si somma la giornata difficile per la carovana rosa che passa nel capoluogo

 



AGGIORNAMENTO: lungo l'autostrada del Brennero il serpentone di tir diretti in Austria dopo la festività di Pentecoste ha raggiunto una lunghezza di cento chilometri. La coda a tratti partiva da Egna, a sud di Bolzano, per arrivare al confine di stato. Solo nel pomeriggio la situazione è lentamente migliorata. Il divieto di circolazione è scattato sabato a mezzogiorno ed è stato prolungato dalla festività di Pentecoste ieri nei paesi di lingua tedesca. Questa mattina il traffico pesante si è messo nuovamente in movimento (o meglio in coda).

 

BOLZANO. Giornata difficile per quanto riguarda il traffico in Alto Adige. Dopo il divieto di tir per la festività di Pentecoste ieri (20 maggio) nel mondo di lingua tedesca, questa mattina si è messo in moto (o meglio in coda) un lungo serpentone di camion diretti al Brennero.

La coda di tir attualmente è lunga 80 chilometri e dal confine arriva fino a Bolzano nord. Anche il traffico leggero è rallentato tra Bolzano sud e Chiusa.

A questo si aggiunge il Giro d'Italia che oggi attraversa l'Alto Adige, tagliando letteralmente in due per alcune ore Bolzano, con nessuna possibilità di attraversare il capoluogo altoatesino da nord a sud e viceversa.

La carovana rosa arriva dalla Svizzera a Tubre, per poi attraversare la val Venosta e la val d'Adige. Dopo Bolzano i ciclisti proseguiranno verso Fiè e la val Gardena, dove è previsto l'arrivo di tappa. 













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)