la tragedia

Travolti dalla valanga in valle Aurina, ecco chi sono le due vittime

Gabriele Costantini e Solveiga Kemzuraite, i due turisti morti durante l'escursione sul Sasso Nero, vivevano a Cavallino Tre Porti e lavoravano in un camping (foto soccorso alpino)

La notizia: tragica escursione per due turisti veneziani

Il precedente: imprigionata nella neve



BOLZANO. Si chiamavano Gabriele Costantini e Solveiga Kemzuraite i due escursionisti morti durante una escursione con le ciaspole nella zona del Sasso Nero in valle Aurina, travolti da una valanga che li ha investiti e trascinati a valle, lungo un canalone, per circa 300 metri. L'incidente è avvenuto sabato, ma solo domenica mattina i corpi sono stati individuati sotto la neve a circa 1.700 metri di quota. A tradirli le temperature elevate - lo zero termico in questa coda d'inverno è a 2.000 metri - e le precipitazioni dei giorni scorsi.

Le vittime, come detto, sono un cittadino italiano di 51 anni, Gabriele Costantini, e una lituana di 33 anni, Solveiga Kemzuraite, residenti a Cavallino Tre Porti, in provincia di Venezia, dove lavoravano entrambi in un camping, come scrive il portale nordest24.it. 

I due erano usciti ieri per un'escursione con le ciaspole. Cosa sia successo esattamente probabilmente non si saprà mai, visto che non ci sono testimoni della tragedia. L'uomo è la donna sono stati travolti e trascinati via dalla slavina, mentre stavano attraversando un pendio. La neve molto bagnata e pesante a causa delle temperatura primaverili non ha lasciato scampo ai due escursionisti. Impossibile, in queste condizioni, “galleggiare” sulla neve oppure sopravvivere grazie a una bolla d’aria nella neve. L'allarme è stato lanciato solo in serata dal titolare dell'albergo nel quale alloggiavano, quando non li ha visti rientrare a cena. Ormai faceva buio ed era troppo tardi per avviare le ricerche che sono iniziate stamattina e si sono concluse in tempi rapidi. All’alba, infatti, si era messo in volo l'elisoccorso Pelikan 2, alle ricerche hanno partecipato il soccorso alpino della valle Aurina, come anche la Guardia di finanza e i carabinieri.

La tragedia si è verificata a termine di questo inverno avaro di neve. Il bollettino valanghe attualmente è di grado 2 di 5 (moderato) per quasi tutto l’Alto Adige. Lo strato di neve vecchia deve però essere valutata con attenzione. Sono infatti possibili valanghe spontanee umide e bagnate. Gli strati deboli presenti nella neve vecchia possono distaccarsi a livello molto isolato in seguito al passaggio di alcuni appassionati di sport invernali, soprattutto sui pendii ombreggiati molto ripidi al di sopra dei 2400 m circa. Le valanghe possono coinvolgere gli strati più profondi e raggiungere dimensioni medie. Inoltre - secondo il bollettino valanghe - occorre fare attenzione agli accumuli di neve ventata di più recente formazione. Ciò nelle zone in prossimità delle creste e dei passi in alta montagna, specialmente nelle regioni più colpite dalle precipitazioni.

Sempre sabato e in valle Aurina è stata invece più fortunata una donna di 51 anni di Vandoies che è sopravvissuta a una valanga che l'ha trasporta a valle per circa 180 metri. Rimasta sepolta solo parzialmente dalla neve ad una quota di circa 1.800 metri è riuscita a chiamare i soccorsi. E' stata tratta in salvo con lievi ferite. 













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)