Sparatoria sul lungomare di Hollywood, 9 feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Nove persone, 5 adulti, 3 bambini e un adolescente, sono rimaste ferite in una sparatoria avvenuta nel tardo pomeriggio sull'affollato lungomare di Hollywood, in Florida. Lo riporta l'Ap sul suo sito. Secondo la polizia ci sarebbe stata una rissa tra due gruppi di persone che, all'esplodere degli spari, ha provocato un fuggi fuggi generale tra la folla assiepata durante il Memorial Day. Uno dei feriti è stato operato ma risultano tutti in condizioni stabili. Almeno una persona è stata arrestata ma la polizia sta cercando altri sospetti. (ANSA).





Gallerie

Sparatoria sul lungomare di Hollywood, 9 feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Nove persone, 5 adulti, 3 bambini e un adolescente, sono rimaste ferite in una sparatoria avvenuta nel tardo pomeriggio sull'affollato lungomare di Hollywood, in Florida. Lo riporta l'Ap sul suo sito. Secondo la polizia ci sarebbe stata una rissa tra due gruppi di persone che, all'esplodere degli spari, ha provocato un fuggi fuggi generale tra la folla assiepata durante il Memorial Day. Uno dei feriti è stato operato ma risultano tutti in condizioni stabili. Almeno una persona è stata arrestata ma la polizia sta cercando altri sospetti. (ANSA).

Tajani,commissario? Credo serva chi si dedichi a tempo pieno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Io credo che serva una persona che possa dedicarsi a tempo pieno" alla questione. La scelta "non deve essere questa sera". Lo ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani rispondendo a domande della direttrice di Quotidiano Nazionale Agnese Pini sulla nomina del commissario per l'Emilia Romagna. "Non ho pregiudizi - ha aggiunto Tajani - vediamo chi è la persona più adatta. L'importante è fare bene". (ANSA).

A nord del Kosovo nuove proteste serbi contro nuovi sindaci

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Nel nord del Kosovo resta alta la tensione interetnica con la popolazione serba locale che è tornata stamane a radunarsi davanti ai Municipi di Zvecan, Zubin Potok e Leposavic - tre dei quattro maggiori Comuni a maggioranza serba - per impedire l'ingresso nelle sedi municipali ai nuovi sindaci, eletti il 23 aprile scorso e che sono tutti di etnia albanese a causa del boicottaggio dei serbi di quella consultazione. Violenti scontri si erano verificati venerdì scorso fra polizia e dimostranti nel primo giorno di lavoro dei nuovi sindaci. Nelle tre città è massiccia la presenza di agenti della polizia kosovara in assetto antisommossa, ma anche di unità della Kfor, la Forza Nato in Kosovo, che presidiano i punti sensibili bloccando anche numerose strade. A Zvecan la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro manifestanti serbi che tentavano di entrare con la forza nella sede del Municipio. Srpska Lista, il maggior partito dei serbi del Kosovo, ha reso noto che i manifestanti continueranno la loro protesta con due richieste - i nuovi sindaci non dovranno entrare nelle sedi comunali, e le unità della polizia kosovara dovranno rititarsi al più presto dal nord. Finchè tali richieste non saranno accolte, i dimostranti resteranno a presidio delle sedi comunali. Rappresentanti di Kfor e della polizia kosovara si sono riuniti nelle tre città teatro delle proteste per coordinare la linea d'azione, Da parte sua l'ambasciatore americano in Kosovo Jeff Hovenier ha convocato i tre nuovi sindaci oggetto delle protesto per un incontro a Pristina, mentre i Paesi del Quint - Usa, Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia - hanno nuovamente invitato il governo kosovaro alla prudenza e a non prendere decisioni unilaterali suscettibili di alimentare ulteriormente le tensioni. I problemi, hanno ribadito, vanno risolti con il dialogo. (ANSA).

Il Papa, non chiudiamo le porte all'altro per false paure

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Papa Francesco invita a non chiudere le porte all'altro per la paura, "e anche le porte della Chiesa". Lo ha detto al Regina Coeli. "La paura blocca, paralizza. E isola: pensiamo alla paura dell'altro, di chi è straniero, di chi è diverso, di chi la pensa in un altro modo. E ci può essere persino la paura di Dio: che mi punisca, che ce l'abbia con me… Se diamo spazio a queste false paure, le porte si chiudono: quelle del cuore, della società, e anche le porte della Chiesa! - ha sottolineato il Papa - Dove c'è paura, c'è chiusura. E non va bene. Il Vangelo però ci offre il rimedio del Risorto: lo Spirito Santo. Lui libera dalle prigioni della paura", ha concluso il Pontefice. (ANSA).

In Emilia Romagna 8.000 interventi dei vigili del fuoco

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Sono 8.000 gli interventi fatti da inizio emergenza dal corpo nazionale dei Vigili del fuoco in Emilia Romagna: 1.570 a Bologna, 3.655 a Ravenna, 2.370 a Forlì Cesena, 405 a Rimini. Sono 818 i vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso, 170 sono al lavoro nella provincia di Forlì e 360 in quella di Ravenna, i territori dove permangono le maggiori criticità. Dei vigili del fuoco mobilitati, 40 sono al lavoro per il coordinamento degli interventi nei 14 posti di comando avanzato, più di 100 i soccorritori acquatici e gli esperti nelle operazioni di prosciugamento con pompe e idrovore. Dei 282 mezzi impiegati attualmente nei luoghi colpiti dal maltempo, 15 sono piccoli natanti, 7 gli anfibi, 22 le pompe e idrovore, 3 gli elicotteri e 13 i droni. (ANSA).

Parigi, guerriglia ambientalisti per assemblea TotalEnergies

(ANSA) - PARIGI, 26 MAG - Mattinata movimentata per l'Assemblea generale del gigante dell'energia francese TotalEnergies: prima dell'importante riunione, manifestanti per il clima si sono radunati davanti alla sede, a Parigi, scontrandosi a più riprese con la polizia. Alla protesta si sono uniti rappresentanti degli azionisti in disaccordo con la politica climatica dell'azienda. L'assemblea annuale si è comunque aperta alle 10, dopo che erano stati respinti diversi tentativi dei manifestanti di avvicinarsi all'ingresso della sede. La polizia ha fatto uso di gas lacrimogeni per liberare l'ingresso dalla presenza di una decina di manifestanti che gridavano "assassini" e "criminali" agli azionisti che arrivavano per l'assemblea. L'iniziativa della protesta era stata presa nei giorni scorsi da un gruppo di Ong che volevano impedire lo svolgimento della riunione annuale così come avevano fatto per altri grandi gruppi del settore come Shell e BP o la banca Barclays, accusata di finanziare progetti basati sugli idrocarburi. Sullo sfondo, i profitti record di queste multinazionali, con BP, Shell, ExxonMobil, Chevron e TotalEnergies che - dopo un anno 2022 straordinario - hanno battuto nuovi record con 40 miliardi di dollari di profitti in questo trimestre. (ANSA).









Altre notizie



Attualità