la tragedia

Neonato morto sulla nave da crociera, fermate anche due colleghe della madre

Le due donne, dell'equipaggio, dividevano con lei la cabina dove sarebbe avvenuto il parto.  La mamma, una 28enne, è accusata di omicidio volontario (Foto Silversea.com) 



GROSSETO. Sono state fermate anche due colleghe della 28enne filippina arrestata con l'accusa di omicidio volontario del figlio appena nato a bordo della nave da crociera Silver Whisper dove tutte e tre fanno dell'equipaggio.

Da quanto si apprende le due donne dividevano con la 28enne la cabina dove sarebbe avvenuto il parto. Le due colleghe hanno nazionalità una del Kenia, l'altra sudafricana. 

I colleghi avevano dato l'allarme domenica sera quando la nave incrociava al largo dell'Argentario.

A bordo sono intervenuti i carabinieri. Il corpo del neonato era nella cabina che la madre divideva con altro personale dell'equipaggio. I carabinieri, dopo aver raggiunto in mare aperto la Silver Whisper con una motovedetta, hanno perquisito la cabina e altri locali della nave, effettuando anche rilievi fotografici. Sono state acquisite le prime testimonianze e le indagini ora proseguono a terra.

La donna era in stato confusionale ed è stata portata al pronto soccorso di Grosseto. Stamani la procura di Grosseto ha deciso il fermo della donna che al momento si trova all'ospedale. La salma del bambino è all'obitorio del 'Misericordia' e potrebbe essere disposta l'autopsia. Dopo i controlli a bordo, la nave ha ripreso la navigazione.













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)