Corte Ue, andava inclusa anche l'Iva nei Fondi regionali per la banda ultralarga



BRUXELLES - Nei contributi del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) all'Italia a sostegno di alcuni progetti regionali per la banda ultra larga nelle aree bianche andava inclusa anche l'Iva.Lo ha deciso oggi laCorte europea, annullando così una decisione della Commissione Ueche nel 2019 aveva approvato il contributo finanziario da parte del fondo per oltre 9 milioni di euro, escludendo però dal finanziamento il maggior importo dovuto per l'imposta. All'epoca, il ministero dello Sviluppo economico italiano aveva incaricato Infratel Italia SpA di selezionare uno o più concessionari per la rete internet ad altissima velocità, la cui scelta era poi caduta su Open Fiber SpA.















Altre notizie









Attualità