Neuralink, ok a test di impianti cerebrali sull'uomo



(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Neuralink ha annunciato di aver ottenuto l'approvazione dalle autorità di regolamentazione statunitensi per testare i suoi impianti cerebrali nelle persone. La start-up di Elon Musk ha affermato che l'autorizzazione della Food and Drug Administration (Fda) per il suo primo studio clinico sull'uomo è "un primo passo importante" per la sua tecnologia, che ha lo scopo di consentire ai cervelli di interfacciarsi direttamente con i computer.
    "Si tratta di un primo passo importante che consentirà un giorno alla nostra tecnologia di aiutare molte persone", ha spiegato l'azienda californiana sul proprio account Twitter, aggiungendo che "le assunzioni per le sperimentazioni cliniche non sono ancora aperte". Neuralink progetta dispositivi connessi da impiantare nel cervello per comunicare con i computer direttamente attraverso il pensiero. Dovranno essere utilizzati in prima battuta per aiutare le persone paralizzate o affette da malattie neurologiche. La start-up vuole quindi rendere questi impianti abbastanza sicuri e affidabili da poter essere interventi chirurgici elettivi. Le persone potrebbero quindi pagare qualche migliaio di dollari per dotare il proprio cervello della potenza del computer. Per Elon Musk questi chip devono consentire all'umanità di raggiungere una "simbiosi con l'Ai", nelle sue parole del 2020 pronunciate alla conferenza annuale dell'azienda. "Ora siamo fiduciosi che il dispositivo di Neuralink sia pronto per l'uomo, quindi la tempistica dipende dal processo di approvazione della Fda", aveva dichiarato alla fine di novembre su Twitter un mese dopo l'acquisto del social network. Il miliardario è solito a previsioni azzardate, come è stato per l'autonomia delle auto elettriche Tesla. Nel luglio 2019 ha stimato che Neuralink avrebbe potuto eseguire i suoi primi test sulle persone nel 2020. Altre aziende stanno lavorando per controllare i computer con il pensiero, come Synchron che ha annunciato nel luglio 2022 di aver impiantato la prima interfaccia cervello-macchina negli Stati Uniti. (ANSA).
   









Altre notizie



Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)