Ricerca: Padova, scoperto circuito memoria cattura-segnali

(ANSA) - PADOVA, 6 AGO - Hanno mappato gli effetti funzionali di ictus che causano amnesia, e hanno dimostrato che nell'uomo la memoria è mediata da un particolare circuito. La scoperta, pubblicata su 'Nature Communications', arriva da un gruppo di ricercatori delle Università di Padova, Harvard e Northwestern University di Chicago, che hanno condotto degli studi di neuroimaging su pazienti colpiti da ictus. Maurizio Corbetta, direttore della Clinica Neurologica e del Neuroscience Center dell'Università di Padova, spiega che "immagini di ictus con diagnosi di amnesia post ictus o almeno con deficit di memoria documentato sono state importate elettronicamente in un atlante che contiene 1000 soggetti normali". I ricercatori quindi hanno inserito delle lesioni per calcolare l'insieme delle connessioni funzionali che sono alterate: "Se ripetiamo questa operazione per ogni lesione - spiega Corbetta - otterremo una mappa di connessioni alterate, o disconnettoma, nei nostri pazienti con problemi di memoria". I risultati hanno permesso di individuare il circuito: "Anche se le lesioni erano localizzate in parti diverse - sottolinea Corbetta - abbiamo visto che esse appaiono disconnettere funzionalmente lo stesso circuito funzionale. Una regione corticale in particolare, la regione 'retrospleniale' localizzata posteriormente, profondamente, e lungo la linea mediana appare essere l' 'hub' della memoria dove molti segnali convergono". Clinicamente questo studio è potenzialmente importante sia per predire gli effetti di lesioni sulla memoria che per provare a riattivare le memorie con tecniche di neuro-stimolazione. (ANSA).