I Trouble in Town brindano

Bressanone. I campi del complesso scolastico Fallmerayer di Bressanone hanno ospitato nei giorni scorsi la nona edizione del “BX Streetball Challenge”, sfida di streetbasket, e per la terza volta ad...

Bressanone. I campi del complesso scolastico Fallmerayer di Bressanone hanno ospitato nei giorni scorsi la nona edizione del “BX Streetball Challenge”, sfida di streetbasket, e per la terza volta ad affermarsi è stato un team della città vescovile, che si è così assicurata la partecipazione alla fase nazionale che si svolgerà a Riccione a fine luglio. Organizzato dall’Ssv Brixen sezione Basket, il torneo, giocato con le regole ufficiali e internazionali del 3c3, ha visto oltre 50 partecipanti provenienti dall’Alto Adige e dal Trentino. Partite emozionanti e decise punto a punto hanno definito i 4 team delle semifinali: Trouble in Town (Bressanone), Take the L. (Riva del Garda), Melai Desaster (Bressanone) e I 3 Tortellini (Bologna e Merano). In finale sono arrivati i Trouble in Town e i Take the L.: un canestro vincente all’ultimo secondo ha consegnato la vittoria alla squadra di Bressanone, formata da Mark Kantioler, Marco de Santis e Martin Mair. Mark Kantioler, premiato anche come MVP (miglior giocatore) del torneo, e Marco de Santis possono così vantare la seconda vittoria consecutiva e la terza in complesso.

La gara delle schiacciate e la gara Flash, aperta anche a tutti gli spettatori, sono state vinte dal player di Riva del Garda Claudio Frese.

Con questa vittoria la squadra di Bressanone si è garantita come detto, per la prima volta, l’accesso al tabellone della fase nazionale organizzata dalla Federazione Italiana di Streetball (Fisb) a Riccione, Fisb istituita in Italia per sostenere e diffondere il basket 3 contro 3 come disciplina olimpica che esordirà nel 2020 a Tokyo.