sport

Pattinaggio sul ghiaccio, trionfo di Daniel Grassl a Sheffield

L’altoatesino si è classificato primo nella gara di figura del Grand Prix: con la sua vittoria, l’Italia può ora registrare un successo in tutte e quattro le categorie (foto: Ansa)



SHEFFIELD. Giornata storica per il pattinaggio di figura italiano sul ghiaccio del MK John Wilson Trophy di Sheffield.

L’atleta altoatesino Daniel Grassl ha infatti conquistato la vittoria nella quarta tappa stagionale del Grand Prix, competizione organizzata dall’International Skating Union (ISU) e che è assimilabile a una "Coppa del mondo" del pattinaggio.

Grassl diventa così il primo pattinatore azzurro a imporsi in una gara maschile del circuito internazionale.

Il ventenne delle Fiamme Oro, che partiva dalla seconda posizione del corto, ha realizzato ieri sera (12 novembre) il miglior libero di giornata da 177.50 punti, con cui si è assicurato il successo con un punteggio complessivo di 264.35, primato italiano stagionale. Dietro di lui l’atleta lettone Deniss Vasiljevs (con 254,56 punti) e il giapponese Shun Sato (249,03 punti).

Grazie al primo posto di Sheffield, Grassl resta ora in attesa dei risultati delle ultime due tappe in calendario con la speranza di poter rientrare tra i qualificati alla Finale del circuito che si terrà a Torino dall'8 all'11 dicembre. Una vittoria con cui l'Italia - così come Russia, Stati Uniti, Canada e Francia - può da oggi annoverare in bacheca almeno un successo nel Grand Prix in tutte e quattro le specialità.

E nella giornata che ha visto anche Guignard-Fabbri (Fiamme Azzurre) imporsi nella rhythm dance del MK John Wilson Trophy, sul ghiaccio britannico è arrivato lo splendido secondo posto di Sara Conti e Niccolò Macii (Icelab) tra le coppie di artistico.

















Altre notizie

la tragedia

Il guidatore badiota del pick-up indagato per omicidio stradale 

La dinamica. L’uomo, un 55 enne di San Martino dipendente di una società di impianti di risalita, non ha frenato in tempo. L’impatto è avvenuto a ridosso delle strisce pedonali: la pioggia e il buio tra le probabili cause dell’investimento


Massimiliano Bona
l'addio

Thomas Sanin morto a 54 anni stroncato da un male incurabile 

Magré in lutto. La scomparsa dell’agricoltore ha lasciato sgomenta la comunità: la chiesa si è riempita per i funerali La malattia lo ha tolto all’amore della mamma Erika, della moglie Brigitte, dei tre figli e degli adorati nipotini


Bruno Tonidandel






Attualità