Sci

Troppo caldo sullo Stelvio: l’Italsci resta in vacanza 

La stagione non parte: niente allenamenti per gli azzurri, piste chiuse su tutte le Alpi. Annullata anche la settimana di preparazione per la Nazionale femminile a Cervinia


Marco Marangoni


BOLZANO. La torrida estate 2022 che ha costretto i comprensori sulle Alpi a chiudere lo sci estivo, non consente agli azzurri, e a tutti i big di Coppa del mondo, di allenarsi sulle montagne europee. Troppo caldo non solo allo Stelvio, chiuso da una settimana causa le elevate temperature, ma anche nelle località dove i campioni dello sci alpino da sempre si allenano nel cuore dell’estate. Stop allo sci per tutti da Cervinia alla svizzera Zermatt, dalle austriache Stubai ed Hintertux alla francese Les Deux Alpes. L’unica stazione che è rimasta aperta è Saas Fee in Svizzera ma con allenamenti, per qualche atleta svizzero e austriaco, che iniziano alle ore 5 del mattino.

Pochi giorni fa la settimana di allenamento a Cervinia della nazionale italiana femminile Elite e polivalenti – tra esse, Marta Bassino, Nicol e Nadia Delago, Elena Curtoni e Federica Brignone – è stata annullata.

Gli azzurri e le azzurre sono ancora in vacanza prima di iniziare la lunga preparazione in vista della prossima stagione di Coppa che scatterà come consuetudine ad ottobre (22-23) sul ghiacciaio del Rettenbach a Soelden in Austria.

Il Circo Bianco nella stagione 2022/2023 avrà la novità di Zermatt/Cervinia, prima storica tappa transfrontaliera di un evento di Coppa del mondo. Mai dal 1967, anno della prima edizione, una gara di Coppa aveva la partenza in un Paese e l’arrivo in un altro. A Zermatt/Cervinia sono in programma due discese libere maschili (29-30 ottobre) ed altrettante femminili (5-6 novembre).

Le squadre nazionali italiane delle discipline veloci guidati da Dominik Paris e Sofia Goggia, e slalom gigante, inizieranno il trasferimento verso le nevi australi dell’Argentina pochi giorni dopo Ferragosto. I raduni scaglionati delle squadre ad Ushuaia – le piste di allenamento sono quelle del Cerro Castor – si concluderanno a fine settembre.

Potranno, invece, iniziare gli allenamenti sulla neve gli specialisti dello slalom che, utilizzando piste corte, possono sciare all’interno di grandi capannoni. Da oggi a venerdì 5 agosto a Peer in Belgio (l’altra struttura e Landgraaf in Olanda), saranno sette gli azzurri specialisti delle porte strette in allenamento: si tratta di Alex Vinatzer, Tommaso Sala, Simon Maurberger, Giuliano Razzoli, Stefano Gross, Giovanni Franzoni e Filippo Della Vite.

Saranno ben venticinque le tappe di Coppa del mondo – inserendo anche le gare di sci d’erba e skiroll valevoli per la stagione 2022 – programmate in Italia per la prossima stagione. In Alto Adige, in attesa del calendario di slittino su pista naturale, il primo appuntamento sarà il 15 dicembre per la Coppa di snowboard a Carezza. Il 16 e 17 dicembre gli uomini-jet sfrecceranno sulla Saslong in Val Gardena mentre il 18 e 19 due slalom giganti in Alta Badia. Nello skicross confermata la tappa di San Candido (21-22 dicembre). Il grande biathlon sarà ad Anterselva dal 19 al 22 gennaio. Il 24 gennaio a Plan de Corones si svolgerà uno slalom gigante femminile di sci alpino mentre dal 3 al 5 febbraio tappa di sci nordico a Dobbiaco. Nello sci alpinismo gare in Val Martello dal 16 al 19 febbraio.

















Altre notizie







Attualità