SEGNALI/2

Sopra Naturno si arriva all'insulto

 BOLZANO. Ormai siamo arrivati al ridicolo di una guerra a colpi di pennarello, per stabilire quale toponimo debba essere bilingue e quale no. Prendiamo il caso (nella foto) del Burgraviato. Il cartello dell'Alpenverein segnala solo la «Naturnser Alm». Con l'indelebile in italiano si è scritto accanto Malga di Naturno, ma a seguire qualcuno ha pensato bene di prendersela con chi ha scritto quest'ultimo nome, con un eloquente «Fockn Walsche» (maiale italiano, ndr).  Purtroppo l'utilizzo del dispregiativo per il gruppo italiano presente in Alto Adige non è ancora uscito dalla testa di molti sudtirolesi. Dopo decenni di lavaggio del cervello sul «mir sein mir», ovvero prima noi e poi il resto del mondo, per i sudtirolesi è difficile apensare che in questa terra tedeschi, ladini e italiani - a cui aggiungere le decine di etnie straniere legate ai 40 mila immigrati - sono destinati a convivere. La politica ha il dovere di fare qualcosa. Vero Svp?