Pineta, Casa Balzan verso la demolizione: l’accordo è vicino 

In dirittura la convenzione urbanistica tra Comune e privati È il solo modo per collegare la zona vecchia con Toggenburg

di Bruno Canali

LAIVES. In zona Toggenburg 2 a Pineta è in fase avanzata di edificazione l’ultimo condominio dell'edilizia agevolata, dopo di che, da questo punto di vista l'area si potrà considerare completata. Rimane però in ballo una superficie di proprietà comunale sulla quale le previsioni urbanistiche prevedrebbero l'edificazione di un edificio con destinazione "terziario-pubblico", una cubatura - spiega il vice sindaco Giovanni Seppi - destinata ad un edificio di servizio per le zone Toggenburg 1 e 2 stesse. Per ora almeno non sarà così e il Comune di Laives ha anche elaborato un programma per l'utilizzo di quella sua superficie ancora disponibile fra le zone Toggenburg 1 e 2. «Stiamo pensando ad una convenzione urbanistica per poter proseguire con il piano relativo alla casa "Balzan" - dice Seppi - e in pratica si tratterebbe di utilizzare parte della nostra superficie per la convenzione urbanistica con i proprietari di casa Balzan. Rimarrebbe comunque ancora una parte di spazio e relativa cubatura disponibile, che come Comune potremo utilizzare in futuro se servirà».

Dunque, si torna a parlare di casa Balzan, un piccolo edificio oramai abbandonato da qualche anno, che però, con l'apertura delle zone Toggenburg 1 e 2, riveste un’importanza strategica per Pineta. La casetta infatti è posta lungo il fronte che separa Pineta vecchia dalle zone Toggenburg. Da anni si parla di un’acquisizione da parte del Comune di Laives, che poi la abbatterebbe per poter finalmente aprire un varco fra Pineta nuova e Pineta vecchia, cosa altrimenti impossibile senza questa demolizione. I contatti e le trattative con i proprietari della casetta vanno avanti da anni e adesso, grazie allo strumento della convenzione urbanistica la situazione si potrebbe sbloccare. In sintesi, il Comune metterebbe a disposizione dei privati una superficie e una determinata cubatura edificabile per avere in cambio la casa Balzan, abbatterla e realizzare quel collegamento pedociclabile tanto auspicato. Le zone Toggenburg 1 e 2, dove abitano alcune centinaia di famiglie, sono a ridosso di Pineta vecchia. Però, per come è oggi la situazione urbanistica, per andare da una parte all'altra occorre fare un giro più ampio, scendendo lungo la strada di La Costa-Seit. A Pineta vecchia ci sono tutti i servizi: dalla scuola alla chiesa, all'ufficio postale, farmacia e banca e quindi è assolutamente necessario predisporre un passaggio fra le due zone che così non saranno più "isole" separate l'una dall'altra.

©RIPRODUZIONE RISERVATA