per il meteo instabile  

Pasqua, turisti in arrivo ma anche qualche disdetta

MERANO. La stagione turistica primaverile è iniziata sotto la pioggia. Per Pasqua e per il lunedì di Pasquetta il sole è atteso per la soddisfazione dei tanti turisti già presenti in città. Ma la...

MERANO. La stagione turistica primaverile è iniziata sotto la pioggia. Per Pasqua e per il lunedì di Pasquetta il sole è atteso per la soddisfazione dei tanti turisti già presenti in città. Ma la Pasqua quest'anno è «bassa»: significa che non è ottimale per gli albergatori che hanno diversi posti liberi nei loro esercizi complici anche le disdette all'ultimo momento degli italiani che hanno preferito di non rischiare viste le condizioni meteo. «È così - spiega Ingrid Hofer presidente dell'azienda di soggiorno. Prevediamo infatti un buco dopo le festività pasquali almeno fino a metà aprile quando la stagione entrerà nel vivo grazie anche al Merano Flower Festival, una mostra mercato che tra il 27 e il 29 aprile rallegrerà ulteriormente vari luoghi del centro, soprattutto sul Lungopassirio. Non tanto una riedizione della storica Meranflora, animata dalle giardinerie comunali, quanto piuttosto un modo per riportare in auge una tradizione permettendo a vivaisti di levatura nazionale ed europea di mostrare ai meranesi il meglio delle proprie opere. Piazza Terme ospiterà l’allestimento curato dall’architetto Massimo Semola, da Piante Faro e dalla fondazione Radicepura “Dove il Mediterraneo incontra le Alpi”, mentre il parco pubblico delle Terme sarà la cornice di una mostra mercato dedicata al mondo del giardino e delle piante ornamentali. I visitatori potranno così passeggiare nel verde, conoscere le peculiarità di fiori e piante, partecipare a laboratori e conferenze e acquistare i fiori più nuovi e rari. La mostra mercato che sarà ospitata a Merano è una manifestazione che da tempo viaggia per lo Stivale. La città, con la sua cultura del verde espressione di un forte sentimento dell’agricoltura, mancava all’appello, e la Primavera Meranese è una cornice di grande fascino. Tra le altre cose è notevole l’installazione del “divano verde”, un posto in cui meranesi e non potranno dialogare intorno al mondo delle piante scoprendone curiosità e meraviglie. Ma ci saranno anche iniziative per i bambini, come la merenda consapevole. «L'azienda ha curato con grande attenzione questo festival - continua la presidente Hofer - e che porterà Merano al centro dell'attenzione. Ma prima, all'inizio di aprile, avremo anche una serata al Pavillon durante la quale sarà presentato il numero speciale di Gardenia che dedica ben 16 pagine proprio alla nostra città». Oggi intanto apre i battenti anche l'orto botanico dei giardini Trauttmanndorf che è una "calamita" di ospiti e che fa onore proprio all'intera città.(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.