GIUSTIZIA

Percepivano l’indennità ma si trovavano in Albania

Due lavoratori stagionali sono a processo per indebita percezione di contributi. Non avrebbero rispettato il “patto” sottoscritto con l’Inps per la disoccupazione

BOLZANO. Approda davanti al tribunale di Bolzano una vicenda che investe il sistema di aiuto sociale previsto anche in Alto Adige per i cosiddetti lavoratori stagionali, da qualche anno a questa parte in buona parte stranieri. Ieri mattina davanti ai giudici bolzanini (presidente Busato in foto) è iniziato il processo a carico di due operai edili albanesi. 

Devono rispondere  di “indebita percezione di erogazione ai danni dello Stato”. I fatti contestati fanno riferimento alle indennità di disoccupazione percepite dai due operai durante i mesi prettamente invernali.

Avrebbero cioè percepito negli ultimi anni l’indennità di disoccupazione invernale nonostante la violazione delle norme sottoscritte per poter accedere al contributo. In sostanza la Procura contesta alcune presunte violazioni formali del “patto” sottoscritto dai due lavoratori che per circa tre mesi si sarebbero trasferiti provvisoriamente nel proprio Paese d’origine cioè l’Albania senza darne comunicazione.