Comano troppo nervoso, Lana sul velluto 

I biancorossi grintosi e affamati approfittano di un avversario che termina in nove a causa delle proteste eccessive

LANA. Il Lana è tornato a fare il Lana. I biancorossi di Forer esibiscono grinta, carattere, aggressività e fame di vittoria, peculiarità che permettono a meranesi di liquefare il Comano con quattro roventi segnature.

C’è da dire che, al di la dei meriti del Lana, il Comano paga anche per colpe sue specifiche, nervosismi che hanno tarpato le ali alla compagine di Celia proprio nel momento della reazione. Il Comano, difatti, ha concluso la gara in nove uomini, pagando dazio per le reiterate proteste di Lorenzi e Rigotti che, in tempi diversi, hanno abbandonato la scena a partita in corso.

Il Lana è tornato a fare il Lana, dunque, mettendo in mostra davanti al proprio pubblico le caratteristiche che il popolo dell’Eccellenza gli aveva accreditato alla vigilia, proponendolo come una delle compagini rivelazione del torneo.

I padroni di casa prendono da subito in mano la situazione, costringendo l’avversario a ripiegare nella propria tre quarti.

Dopo una serie di iniziative che hanno “scaldato” l’ambiente della tifoseria, il Lana passa a fare fatti ed al 24’ registra il gol del vantaggio. Parte dalle retrovie biancorosse il lungo lancio che finisce nella metà campo del Comano, la palla rimane elusa dai giocatori di Celia così da permettere l’inserimento di Gasser che con un pallonetto da venticinque metri beffa il portiere Lorenzi. Davvero un bel gol.

Il Lana non molla ed insiste nel pressare un Comano che dimostra una certa difficoltà. Al 42’ c’è il raddoppio che nasce da un’idea di Sorrentino che, dalle retrovie, lancia la corsa di Nicoletti. Il portiere Lorenzi abbozza l’uscita non calcolando però bene il tempo, la sfera oltrepassa l’estremo finendo sul petto di Nicoletti, che controlla ed insacca a porta praticamente sguarnita. Il Comano rimane in dieci prima del duplice fischio: Lorenzi commette fallo su Filippin e si becca il primo giallo, ma al giocatore del Comano questo evidentemente non basta e continua a protestare costringendo l’arbitro a servire il secondo giallo che vale l’espulsione.

Con l’uomo in meno, nella ripresa il Comano accorcia le distanze al 22’: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la palla spiove nello spazio di Filippin che però non intercetta, errore che favorisce l’inserimento di Leonard che beffa il portiere Santer. Il Comano riprende fiducia, credendo nella rimonta. Ma è il tempo di un attimo , perché al 24’ invece c’è la seconda espulsine, comminata a Rigotti, anche in questo caso per le proteste che gli valgono in sequenza il primo ed il secondo giallo.

A questo punto il Lana viaggia sul velluto ed al 26’ triplica il punteggio chidendo di fatto la partita: parte il contropiede biancorosso sulla destra, palla in mezzo per Zandarco che si inserisce bene e realizza la terza rete.

Il Lana completa l’opera al 45’ con il ritorno al gol del bomber Hofer: l’attaccante parte in velocità, salta un avversario per poi depositare la sfera nell’angolino basso alla destra di Lorenzi.(f.r.)