ONLINE

Mapire.eu, il Google Maps dell'Ottocento

Attraverso le carte è possibile comprendere lo sviluppo ed il cambiamento delle città di Bolzano e Trento

BOLZANO. Un viaggio nell'Ottocento per confrontare le città di Bolzano e Trento di allora con quelle di oggi: è possibile grazie a Mapire.eu che ha digitalizzato le carte geografiche dell'Impero austro-ungarico sovrapponibili a Google Maps. In questo modo è possibile farsi un'idea dei cambiamenti.

Come spiega lo storico Helmut Rizzolli, "Bolzano nasce con una concentrazione di edifici lungo via Portici, poi però la città cambia e le fiere perdono d'importanza per colpa della politica di Napoleone". La città si sviluppa, con l'arrivo della ferrovia, verso la stazione. Sotto il fascismo poi, oltre il Talvera, è nata la 'nuova' città razionalista.

Rizzolli critica il progetto del tycoon austriaco René Benko sul Virgolo. "Abbiamo diritto di distruggere il Castrum Bauzanum che è alla pari del Doss Trento? La storia va rispettata".

A Trento Mapire.eu documenta invece molto bene lo spostamento dell'Adige verso Piedicastello, mentre un tempo faceva un'ansa e passava vicino la Torre Verde.