IL CASO

Bolzano, festa di San Giuseppe, bocciata la proposta della Süd-Tiroler Freiheit

Larghissima maggioranza per il no in consiglio comunale: contestato il riferimento all'abolizione della festa della Repubblica. Il vicepresidente della giunta provinciale Schuler: "La reintroduzione della festa è comunque un obiettivo condiviso" (foto Ansa)

BOLZANO. Il consiglio provinciale di Bolzano ha respinto a larghissima maggioranza la proposta della Süd-Tiroler Freiheit per la reintroduzione in Alto Adige della festa di San Giuseppe.

Il capogruppo della Svp, Gert Lanz, ha spiegato che il partito di raccolta è favorevole al ripristino della festa, ma, ha detto, la proposta di Stf «in questa forma non la accoglieremo, per evitare polemiche. Presenteremo un nuovo voto a questo scopo, sulla base di un confronto».

Del documento di Stf è stato contestato in particolare il riferimento, mantenuto nelle premesse e stralciato solo poco prima del voto, alla festa della Repubblica del 2 giugno come possibile festa da abolire per reintrodurre quella del 19 marzo.

Il vicepresidente della Provincia, Arnold Schuler, ha osservato che «in aula ci si dovrebbe occupare di fare politica e di discutere le proposte dei singoli partiti. La reintroduzione della festività di San Giuseppe è un obiettivo condiviso dalla giunta».