Via Bari, doppio accoltellamento nel bar 

Un lago di sangue al San Giorgio, coinvolti quattro stranieri. Indaga la Scientifica, si cerca l’autore dell’aggressione

BOLZANO. Cosa sia accaduto esattamente e per quali motivi al momento non è dato sapere, fatto sta che nel primo pomeriggio di ieri due immigrati di origine pachistana sono rimasti feriti in modo piuttosto serio, accoltellati nel corso di una furibonda lite con altri due connazionali nei pressi del bar San Giorgio. Trasferiti d’urgenza all’ospedale San Maurizio, i due non sarebbero in pericolo di vita. Sul posto per i rilievi la polizia scientifica. Le forze dell’ordine cercano l’autore dell’aggressione. Sono da poco passate le ore 15 di martedì. All’esterno del bar San Giorgio, all’angolo tra via Parma e via Bari, si scatena una lite, furibonda. Nel giro di pochi minuti, stando almeno alla prima ricostruzione fornita da alcuni testimoni agli uomini della squadra mobile della questura, la situazione degenera.

Lo testimoniano sedie capovolte, tazzine infrante a terra. Soprattutto il sangue. Macchie all’esterno del bar, un vero e proprio lago appena oltrepassata la soglia del locale. «Non so cosa sia accaduto», commenta il titolare cinese del bar San Giorgio. «A un certo punto ho visto una persona che entrava, sangue dappertutto. Allora ho chiamato la polizia». Sul posto giungono la squadra volante e i sanitari del 112, con ambulanza e medico d’urgenza della Croce bianca. Dei quattro pachistani identificati dalla polizia, trentenni, due sono rimasti feriti, uno a un gluteo, l’altro all’addome. Ricoverati al San Maurizio per le cure del caso non sarebbero in pericolo di vita. Fuori dal locale, la polizia ha effettuato tutti i rilievi del caso, ma non è stato però possibile rinvenire il coltello utilizzato per ferire i due pachistani. Ancora in tarda serata, ieri, la polizia non era in grado di fornire una ricostruzione esatta di ciò che possa essere accaduto, né dei motivi che hanno portato alla lite. Da fonti vicine alla questura pare comunque che la polizia sia in procinto di arrestare l’autore dell’aggressione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.