al maso Pretzhof 

Trasferta in val di Vizze per il vero speck artigianale

VAL DI VIZZE. Dalla Val di Vizze a Bolzano e ritorno. Il vero speck artigianale ha da qualche tempo un nuovo punto di riferimento a Bolzano ma ha il suo centro produttivo nel cuore della val di Vizze,...

VAL DI VIZZE. Dalla Val di Vizze a Bolzano e ritorno. Il vero speck artigianale ha da qualche tempo un nuovo punto di riferimento a Bolzano ma ha il suo centro produttivo nel cuore della val di Vizze, a due passi dal confine del Brennero, il Pretzhof. Qui i proprietari dei due negozi di “prelibaterie” AMò di Via Milano e Via Museo organizzano per appassionati e famiglie un tour per vedere come nasce il vero speck di malga, dall’allevamento, alla stagionatura e l’affumicatura. Un percorso unico e spesso sconosciuto alla maggioranza. Il tutto con maiali locali. Alto Adige Südtirol e Speck, due parole che non possono prescindere l’una dall’altra. Con oltre 10 milioni di baffe di speck vendute in Italia e all’estero, l’Alto Adige è la vera patria di origine di uno degli affettati più famosi. Quanti però di questi speck provengono da allevamenti locali? Un numero molto limitato se si pensa che, secondo l’Astat, in Alto Adige vivono solo 4.700 maiali e che la quasi totalità della produzione di speck a marchio Alto Adige, proviene dall’estero. Sul suolo provinciale infatti, viene solamente stagionato e affumicato. Così la Prelibateria Amò, start up sudtirolese, specializzata nella produzione di mozzarella con latte di malga, ha pensato di organizzare una visita presso la sua malga di fiducia, il Maso Pretzhof in Val di Vizze, per far conoscere il vero speck allevato in alta montagna. I posti sono limitati e l’evento, in programma in due momenti, alle 11 e alle 15 di sabato 27 gennaio è acquistabile presso i negozi bolzanini. (an.ca.)