LA CAMPAGNA

“Più lingue, più vantaggi”. Giovani e musica protagonisti della campagna sul plurilinguismo

Saper parlare più lingue è un lasciapassare che apre a opportunità lavorative importanti, ma è anche un modo per crescere e guardare il mondo da altri punti di vista

Il plurilinguismo è un valore aggiunto, apre la mente alla complessità e alla diversità, ma rappresenta anche un innegabile vantaggio, specialmente in un’epoca come questa, dove le barriere tra popoli e culture non esistono più e dove la comunicazione riveste un ruolo centrale. Insomma, saper parlare più lingue è un lasciapassare che apre a opportunità lavorative importanti, ma è anche un modo per crescere e guardare il mondo da altri punti di vista. 
A volte però ci si blocca di fronte alle difficoltà di una lingua nuova: ecco perché al centro della nuova campagna video nata da una collaborazione tra la Provincia autonoma di Bolzano, Südtiroler Wirtschaftsring – Economia Alto Adige e la Camera di commercio di Bolzano ci sono tanti giovani testimonial altoatesini che vincono le proprie paure e cantano la loro canzone preferita in una delle altre lingue parlate in provincia. Il tutto all’insegna dello slogan “Più lingue, più vantaggi. Provaci anche tu!”

Obiettivo della campagna
Il plurilinguismo è un valore aggiunto, dicevamo, di cui tutti si rendono conto nella propria esperienza personale. L’obiettivo comune di Economia Alto Adige e della Provincia è proprio quello di rafforzare questa consapevolezza. Non ci vuole molto, solo un po’ di coraggio, proprio come recita il claim della campagna: “Più coraggio per il plurilinguismo”.

I video
I testimonial della campagna sono giovani altoatesine e altoatesini fra i 16 e i 28 anni: a loro è affidato il compito di rendere visibile il valore del plurilinguismo nella vita quotidiana. Lo fanno a modo loro, con i loro linguaggi e modi di fare, in maniera semplice e immediata, come cantare una canzone. Nei video i giovani sono ripresi durante il lavoro o una gita al lago con gli amici: situazioni quotidiane, di vita vissuta. Ad aiutare i ragazzi ci sono musicisti professionisti, che li accompagnano con la loro musica nel sottofondo. E mentre le prime immagini scorrono sullo schermo, ecco che parte la musica e i ragazzi iniziano a cantare. Non importa che la pronuncia sia perfetta, l’importante è il messaggio e quello arriva dritto al punto: “Più lingue, più vantaggi. Provaci anche tu!” 
I video sono stati diffusi soprattutto sui canali digitali, perché è lì che i ragazzi e le ragazze si informano. E in poco tempo hanno già totalizzato migliaia di visualizzazioni.

Il contributo di Economia Alto Adige
La Provincia autonoma di Bolzano, il Südtiroler Wirtschaftsring – Economia Alto Adige e la Camera di commercio di Bolzano si impegnano da sempre per la crescita delle competenze linguistiche in Alto Adige. Questo impegno si concretizza in offerte specifiche di istruzione e di formazione del personale organizzate dalle associazioni e dal WIFI, il servizio di formazione della Camera di commercio; in un’attività mirata di pubbliche relazioni; nella pubblicazione di studi specifici dell’IRE – Istituto di ricerca economica, e nella sensibilizzazione nel campo scuola – economia. Grazie a questa campagna presentata assieme, l’impegno per la promozione del plurilinguismo da parte dell’economia altoatesina e della Provincia viene ulteriormente sviluppato e rafforzato.
“Buone competenze linguistiche dei dipendenti migliorano le capacità commerciali delle imprese e rafforzano la loro competitività. Aumentano anche le possibilità degli stessi collaboratori di accedere a lavori migliori e fanno crescere le abilità personali. Rappresentano inoltre un arricchimento culturale, e facilitano la comunicazione in un ambiente plurilingue”, spiegano il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, e il Presidente di Economia Alto Adige, Hannes Mussak.
L’assessore provinciale Philipp Achammer è dello stesso avviso: “In Alto Adige ci sono ancora delle lacune in campo linguistico, sia per quanto riguarda le lingue parlate in provincia, sia per le lingue straniere, che è necessario colmare il più possibile. Il plurilinguismo deve essere quindi sostenuto adeguatamente, in modo che diventi un vantaggio competitivo per i cittadini e la società.”