il fenomeno

Amministrazione di sostegno: 3.700 persone fragili in Alto Adige

Ogni anno vengono aperti 500 procedimenti dal Tribunale di Bolzano. Da quest’anno ci sarà l’amministratore di sostegno di comunità

BOLZANO. Si registra un aumento delle persone che necessitano, a causa di una fragilità legata all'età o a problemi di salute, di essere affiancati da un amministratore di sostegno in Alto Adige.

Lo rende noto - attraverso un comunicato - l'Associazione per l'amministrazione di sostegno.

In provincia di Bolzano sono 3.700 le persone fragili soggette ad amministrazione di sostegno, mentre, secondo i dati statistici del Ministero della giustizia, Italia sono circa 313.000.

Ogni anno vengono aperti presso il Tribunale di Bolzano più di 500 nuovi procedimenti.

Nell'ultimo anno, attraverso il progetto "Egida", l'associazione è stata nominata dal giudice tutelare amministratore di sostegno a favore di persone in stato di solitudine ed emarginazione, ulteriormente interessate dagli effetti negativi legati alle misure di distanziamento sociale.

Da quest'anno, il progetto sarà ampliato con l'introduzione dell'amministratore di sostegno di comunità rivolto alle persone inserite in una struttura di cura. L'attività dell'associazione verrà illustrata all'assemblea dei soci in programma per il prossimo 20 maggio 2022, presso la sala Rosenbach, Piazza A. Nikoletti 4, Bolzano (ore 17). All'assemblea parteciperà in videoconferenza Paolo Cendon, padre della legge istitutiva dell'amministrazione di sostegno, che presenterà il Tavolo nazionale sui diritti delle persone fragili, costituito da poco presso il Ministero della giustizia, e gli obiettivi e progetti di riforma legislativa.