in tribunale

Tentato omicidio di Bronzolo, pena ridotta in appello

Dodici anni complessivi, un anno e 4 mesi in meno che in primo grado

BOLZANO. Aveva tentato di uccidere la sua ex convivente, picchiandola a sangue nell'atrio della stazione di Bronzolo, la mattina del 2 ottobre 2019. La povera donna, oggi trentenne, riportò delle gravissime ferite ma per fortuna riuscì a salvarsi, ed il suo aggressore venne subito arrestato dai carabinieri.

L'uomo, un nigeriano di 27 anni, in primo grado era stato condannato a 13 anni e 4 mesi per tentato omicidio aggravato, con rito abbreviato.

Ora la pena è stata ridotta in secondo grado a 12 anni in seguito ad un concordato (noto anche come patteggiamento in appello) proposto dall'avvocato difensore Nicola Nettis, ed accolto dalla procura generale, che ha consentito di rideterminare la pena, riducendola di un anno e 4 mesi.