Piazza Vittoria: il mega-garage lo costruiranno i privati 

Opere pubbliche. Il sindaco: «Abbiamo già il progetto esecutivo: il bando sarà pronto entro l’anno. I lavori nel 2020» Chi si aggiudicherà la gara per la realizzazione, dovrà curare poi anche la gestione, ma le tariffe le fisserà il Comune

di ANTONELLA MATTIOLI

Bolzano. L’idea iniziale era che progettazione e realizzazione del mega-garage sotto piazza Vittoria le facesse direttamente il Comune. Alla fine però la giunta ci ha ripensato: il privato per quanto riguarda costruzione e gestione di una struttura come questa è indubbiamente più rapido ed efficiente.

Risultato: ieri mattina la giunta comunale ha deciso che il parcheggio a sei piani sotto piazza Vittoria - di cui si parla da anni - lo farà il privato. La tabella di marcia dovrebbe essere la seguente: il bando entro l’anno; l’inizio dei lavori nel 2020. Il condizionale è d’obbligo quando si parla di lavori pubblici.

«Stavolta si parte davvero - ha assicurato il sindaco Renzo Caramaschi -. Abbiamo già il progetto esecutivo dove è stato definito anche il più piccolo dettaglio. Il privato che realizzerà la struttura, dovrà curare anche la gestione. Le tariffe però le fissiamo noi. Quello che dobbiamo ancora stabilire è la durata della gestione e gli importi della gara».

Si calcola che l’opera costerà intorno ai 16 milioni di euro.

«Una cifra questa - ha spiegato il vicesindaco Luis Walcher - che affidando al privato costruzione e gestione, noi potremo “risparmiare”. Il bando prevede infatti che chi vincerà la gara si accollerà anche le spese di costruzione. In questo modo potremmo dedicare all’edilizia scolastica, i soldi che erano inizialmente destinati al garage. Il modello al quale ci ispiriamo è quello usato a suo tempo per la costruzione del garage sotto piazza Walther. Realizzato e gestito da una società austriaca. In questo caso però saremo noi a determinare le tariffe».

Il garage

Il progetto prevede la costruzione di un garage a sei piani. Per un numero complessivo di 400 posti auto: 200 saranno pubblici; altrettanti destinati ai residenti della zona.

L’obiettivo è liberare la piazza dalle macchine, mettendone molte di più sotto terra di quelle che oggi sono in superficie.

I primi tre piani saranno riservati al pubblico; il quarto, quinto e il sesto ai residenti, riuniti in cooperativa, che da anni attendono la costruzione del garage più volte annunciato e mai fatto. Ci saranno due ascensori e due accessi separati per la parte pubblica e per quella privata.

I lavori dureranno un paio d’anni.

Nota dolente: i disagi. Facilmente prevedibili, quanto inevitabili, dal momento che in piazza si aprirà un grande cantiere che comporterà lo spostamento delle bancarelle del mercato del sabato oltre al percorso dei bus.

Ma il problema più grosso per chi ha un’attività economica o abita in quella zona sarà rappresentato da rumore e polvere.

I lavori

«Per questo - ha spiegato Walcher - si è deciso che per evitare di avere un mega-scavo in una zona centrale della città, si userà una tecnica che prevede di fare un buco soltanto per il primo piano del garage. Quindi verrà costruita la soletta e si lavorerà scavando sotto. Questo comporterà una riduzione notevole dei disagi, ovvero meno polveri e meno rumori».

In base al cronoprogramma il grande garage sarà finito per il 2022. Sempre che non ci siano altri imprevisti.