DROGA

Due corrieri della droga in manette, "traditi" dal taxi

I Carabinieri hanno sequestrato complessivamente 5 chilogrammi di marijuana

BOLZANO. Doppio arresto da parte dei Carabinieri di Bolzano, i quali, assieme ai colleghi di Egna e all'unità cinofila di Laives, hanno individuato due corrieri della droga, fermando entrambi al casello autostradale di Egna/Ora. 

I militari si sono insospettiti perché i due, finiti in manette a distanza di due giorni uno dall'altro, viaggiavano in A22 a bordo di un taxi, durante un periodo in cui gli spostamenti tra regioni non erano possibili, se non per comprovate necessità. Per questo i Carabinieri hanno deciso di fermare il primo taxi, trovandovi a bordo un 19enne gambiano, A.J., senza fissa dimora e irregolare sul territorio. Da una veloce perquisizione, i militari hanno trovato all'interno di uno zaino 3,1 kg di marijuana e 2.300 euro in contanti. 

Un paio di giorni più tardi, i Carabinieri hanno assistito ad una scena simile e, fermato anche in questo caso il taxi per un controllo, hanno individuato nel passeggero un altro 19enne gambiano, E.N., regolare in Italia, residente a Marlengo, ma disoccupato, che aveva con sé quasi 2 kg di sostanza stupefacente. 

Per entrambi i giovani sono scattate le manette. I due taxisti, invece, sono risultati estranei ai fatti: in tutte e due i casi, i ragazzi gambiani si erano fatti portare in Piemonte, dove, probabilmente si erano riforniti della marijuana, per poi fare ritorno in Alto Adige.