Laives 

Rilancio del commercio Il Pd ha il suo piano

Laives. La mostra “Gli abitanti di Laives” ha incuriosito molti passanti nelle ultime settimane. Le 27 fotografie che accompagnano la passeggiata di chiunque percorra la fossa di Laives, dalla...

Laives. La mostra “Gli abitanti di Laives” ha incuriosito molti passanti nelle ultime settimane. Le 27 fotografie che accompagnano la passeggiata di chiunque percorra la fossa di Laives, dalla caserma dei pompieri fino all’incrocio con via Vadena, rappresentano infatti altrettante specie animali presenti sul territorio. C’è chi, come lo scoiattolo, è un “abitante doc” e chi invece trascorre in zona circa 7-8 mesi l’anno e si può quindi considerare un “abitante part-time”, come il nibbio bruno.

“Gli abitanti di Laives” è una mostra a cielo aperto che si sviluppa negli spazi della quotidianità. L’associazione culturale “lasecondaluna” organizza una visita guidata alla mostra, che si terrà mercoledì 16 settembre alle 18. Sarà proprio il fotografo Davide Ronggador ad accompagnare i partecipanti alla scoperta di 27 specie animali che vivono a Laives, raccontando aneddoti e dettagli tecnici sugli scatti presenti in mostra. Si tratta di un’occasione per passeggiare in compagnia scoprendo qualcosa di nuovo sul territorio in cui si vive e sulla fotografia naturalistica. Il ritrovo è alle 18 all’inizio della passeggiata Landgraben, in via Stazione, subito dopo la caserma dei vigili del fuoco. L’evento è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione inviando un’e-mail all’indirizzo associazionelasecondaluna@gmail.com specificando il nome e il cognome di chi desidera iscriversi. La visita ha una durata di circa un’ora. In caso di pioggia l’evento sarà posticipato a giovedì 17 settembre, sempre alle 18. Qualora dovesse essere necessario rimandare l’evento, l’associazione provvederà a comunicarlo via e-mail a tutti gli iscritti.

Parlando con la curatrice Amanda Filippi scopriamo che «questo progetto nasce come occasione per entrare in contatto con le specie animali che vivono sul nostro territorio scoprendone alcune caratteristiche ed evidenziandone la bellezza. Le ventisette fotografie che compongono la mostra infatti sono state scattate tutte sul territorio di Laives tra il 2017 e il 2019 dal fotografo altoatesino Davide Ronggador e rappresentano appena un accenno delle specie effettivamente presenti sul nostro territorio. La ricchezza naturalistica che ci circonda spesso diventa invisibile nella routine quotidiana e finisce per non avere peso nelle scelte che ogni giorno decidiamo di compiere. Con questa mostra si intende riaffermare il valore di un processo di scoperta lento, non invasivo, che permette di prendere coscienza della bellezza dei luoghi in cui viviamo e della responsabilità che ognuno di noi ha nel tutelarla».

Ronggador, nato a Bolzano nel 1986, dopo la laurea in ingegneria industriale inizia a lavorare come grafico commerciale per poi avvicinarsi, in un secondo momento, al mondo della fotografia. È la conciliazione definitiva tra l’arte visiva, lo spirito d’osservazione e l’amore per la natura. Dopo anni di studi sul campo decide di fare della fotografia il proprio mestiere. Nel 2018 apre uno studio e negozio di fotografia nel centro storico di Bolzano. “Gli abitanti di Laives” è un progetto dell’Associazione culturale “lasecondaluna”, realizzato con il contributo di Comune, Provincia, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano e Comunità Comprensoriale Oltradige - Bassa Atesina.