Il furto

Merano, entra scalzo in negozio e ruba le scarpe 

Il giovane, tra gli schiamazzi, è piombato a piedi nudi dentro il centro commerciale di Corso Libertà e se ne è uscito portandosi via le scarpe, inseguito dalle commesse e dandosi alla fuga. Nella notte, poi, ladri in azione al Bar Bollicine: rubati 150 euro e alcolici


Jimmy Milanese


MERANO. Entra scalzo nel negozio e se ne esce con le scarpe nuove. Rubate. È successo l'altro pomeriggio, al centro commerciale Stadt Centrum di Corso Libertà a Merano.

Un uomo, pare di origine straniera, si è reso protagonista del singolare furto. Infatti, il giovane si è presentato nel negozio completamente privo di scarpe e in evidente stato di alterazione etilica.

Tra schiamazzi e urla ha scelto un paio di scarpe della sua misura, le ha indossate e come se niente fosse, lasciando di stucco le commesse, ha salutato tutti senza pagare.

Immediato l’intervento del personale del negozio che lo ha rincorso chiedendogli di saldare il conto oppure di riconsegnare le scarpe, ma il ragazzo non ne ha voluto sapere, e tra le urla e barcollando ha lasciato il centro commerciale facendo perdere le tracce di sé.

A quel punto, le commesse non hanno potuto fare altro che chiamare le forze dell’ordine, fornire una descrizione dettagliata del ladro e quindi sporgere denuncia. Immediata la caccia all’uomo che nel frattempo si era trasferito nei giardini della stazione. Vestito in modo approssimativo, ma con indosso delle scarpe nuovissime, per i militi è stato un gioco da ragazzi riconoscerlo e fermarlo. Il ladro scalzo è stato così identificato e denunciato per il furto commesso poche ore prima. Alla notizia, sollievo per le commesse del negozio che per qualche minuto se la erano vista proprio brutta, data l’imprevedibilità di situazioni del genere.

Poche ore dopo, invece, nella notte, ennesimo furto nel Bar Bollicine di via Piave. Per fortuna, le telecamere di sorveglianza hanno ripreso la scena e con questa il volto dei due ladri incappucciati e che indossavano anche le mascherine chirurgiche.

«Tutto è accaduto verso le 1.20 di notte. Due individui hanno infranto la porta finestra sulla terrazza del mio locale, si sono introdotti all’interno e a colpo sicuro hanno sottratto il fondo-cassa per un importo di circa 150 euro. Quindi, si sono serviti sottraendo anche due bottiglie di superalcolici», spiega il gestore, che è arrivato al quarto furto con scasso in meno di un anno.

«Ho le telecamere, ma non so più che fare, se non mettere un allarme a sensori per il quale ci sarà un’altra spesa, così come mi costerà diverse centinaia di euro riparare le vetrate infrante, poi non dimentichiamo il tempo necessario per andare a fare denuncia di furto, il che significa scaricare le immagini di videosorveglianza e recarsi fisicamente a firmare la denuncia. E in un lunedì di Pentecoste cercare un vetraio sperando che possa riparare la vetrina in giornata», sottolineava, esausto, l’uomo che a questo punto lancia una idea provocatoria: «Facciamo così, questi ladri che hanno preso di mira il mio locale mi dicano cosa vogliono, così lascio loro un sacchetto fuori dalla porta: mi costerebbe sicuramente di meno», conclude amaro il gestore.

















Altre notizie







Attualità