La manifestazione

Torna il Festival dell’economia a Trento: in presenza con regole ad hoc

Quest’anno dedicato al “ritorno dello Stato”: 5 premi Nobel, 7 ministri e la virologa Ilaria Capua

TRENTO. Dal 3 al 6 giugno, a Trento, torna il Festival dell'economia, giunto alla sua sedicesima edizione, la seconda al tempo della pandemia. Sarà un festival in presenza con regole ad hoc. 

Lo ha annunciato oggi alla presentazione  il presidente della Provincia Maurizio Fugatti: "Stante la situazione odierna e attuale dei contagi, considerando i dati ad oggi in continua stabilizzazione e calo, vogliamo dare un messaggio di ripartenza e fiducia e puntare a un'edizione in presenza. Lo vogliamo fare - ha sottolineato Fugatti - con un protocollo ad hoc sul quale stiamo lavorando con l'Azienda sanitaria. Le modalità organizzative le decideremo in questi giorni insieme anche al sindaco di Trento, Franco Ianeselli".

Tutti gli eventi saranno comunque fruibili in streaming sul sito del Festival.

Quest'anno il tema sarà "Il ritorno dello Stato - Imprese, comunità, istituzioni". 

Al Festival sono annunciati cinque premi Nobel.  Aprirà Michael Kremer, poi Paul Milgrom, Joseph E. Stiglitz, Michael Spence e Jean Tirole.

Nutrita anche la presenza istituzionale: hanno confermato la loro partecipazione il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, sette ministri del governo Draghi, Renato Brunetta, Roberto Cingolani, Vittorio Colao, Massimo Garavaglia, Mariastella Gelmini, Giancarlo Giorgetti ed Enrico Giovannini.

Sarà presente anche Massimo Fedriga, presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni. Nomi di peso ovviamente per quanto riguarda il mondo economico: interverrà, tra gli altri, Gita Gopinath, capo economista del Fondo Monetario Internazionale, poi Lucrezia Reichlin, Thomas Piketty, Luigi Zingales, Romano Prodi, Francesco Giavazzi. Tanti gli approfondimenti sul tema sanitario: tra gli appuntamenti, quello dedicato al tema dei nuovi modelli di assistenza sanitaria, che vedrà tra i relatori Ilaria Capua e Walter Ricciardi.