Fincantieri: Folgiero, il mare parla italiano



(ANSA) - TRIESTE, 30 MAG - "Altre sette navi da crociera sono in programma, ma soprattutto con una visione tecnologica evolutiva. Il mondo del trasporto in generale per questo tipo di trasporto in particolare sta studiando un nuovo paradigma sulla produzione. Penso che Fincantieri essendo leader mondiale sarà anche leader sulla innovazione tecnologica per quanto riguarda il gas, il carburante e tutti i progetti di decarbonizzazione, fino all'idrogeno stesso. Tanto passato ma anche tanto ancora da fare, facendo leva su una leadership indiscussa". Lo ha detto l'a.d. di Fincantieri Pierroberto Folgiero rispondendo a margine del varo della Explora I, sul portafoglio del Gruppo.

"Negli ultimi tre anni abbiamo comprato in Friuli Venezia Giulia per 1 miliardo e 900 milioni e questo significa moltissimo: l'azienda è intrecciata con il territorio. Va anche specificato che in questa grande spesa locale si intercettano molte realtà di piccole e medie imprese. Questo è la prova che Fincantieri è una locomotiva che traina anche produzione e territorio", ha proseguito.

Alla domanda se "il mare parla italiano" visto che una nave da crociera su tre è stata costruita da Fincantieri, Folgiero ha risposto che "il mare parla italiano anche per quanto riguarda la tecnologia e il design, parla italiano come navalmeccanica, come capacità di produrre, di trasformare le materie, capacità di fare cose grandi con tanti posti di lavoro". In un momento in cui "le catene si regionalizzano e i paesi si devono reindustrializzare questa azienda è la prova che sull'industria metalmeccanica l'Italia non si è deindustrializzata e oggi quindi va incontro al futuro meglio degli altri", ha aggiunto.

(ANSA).















Altre notizie









Attualità