sostegno

Aiuti Covid: domande online per famiglie e cittadini in Alto Adige

Da domani (11 giugno) cittadine e famiglie potranno presentare domande online per gli aiuti Covid 2021. Contributi fino a 1.700 euro per tre mesi.

BOLZANO. Da domani (11 giungo) cittadine e famiglie potranno presentare domande online per gli aiuti Covid 2021 della Provincia di Bolzano. Contributi fino a 1.700 euro per tre mesi.

Dopo il contributo straordinario al canone di locazione e per le spese accessorie garantito fino allo scorso mese di aprile, arriva ora un'altra misura in favore delle famiglie che stanno vivendo una condizione economica difficile.

"Molti cittadini sono stati colpiti duramente dalla crisi imposta dalla pandemia - sottolinea l'assessora alle politiche sociali Waltraud Deeg - per questo motivo la Provincia ha deciso di rafforzare questo sostegno economico, che garantirà un ulteriore supporto per persone e famiglie in difficoltà".

Per accedere al formulario basta accedere nella propria area personale mycivis, riservata ai servizi online delle amministrazioni pubbliche dell'Alto Adige.

Per accedere ai servizi di sostegno sarà possibile, inoltre, rivolgersi ad un servizio di patronato presente sul territorio.

Le domande possono essere inoltrare entro il 30 settembre 2021. Persone e famiglie che hanno già ricevuto dai distretti sociali l'aiuto immediato Covid-19, tra dicembre 2020 e aprile 2021, possono ora richiedere un adeguamento.

L'ammontare della prestazione è rappresentato dalla differenza fra aiuto immediato Covid-19 (ricevuto da dicembre 2020) e aiuto immediato Covid 2021 (richiedibile dall'11 giugno 2021) e garantirà ai richiedenti un contributo fino a 1.700 euro mensili per un massimo di tre mesi, che saranno versati in un'unica soluzione.

Il nuovo piano di aiuti garantisce un aumento anche per i limiti massimi di reddito (per le persone di 1400 euro, famiglie a 2800 euro) e di patrimonio (fino ad un massimo di 60.000 euro).

Altro requisito per ottenere il contributo è che il richiedente abbia dovuto interrompere o ridurre l'attività lavorativa a causa delle limitazioni Covid previste per almeno 30 giorni lavorativi anche non consecutivi (per lavoratori dipendenti) o 30 giorni (per lavoro diverso da quello dipendente) nel periodo dal 1° settembre 2020 fino alla data di presentazione della domanda.