La Sanità 

E Nicolini è dal ministro Grillo: avanti gli ispettori

Bolzano. Una coincidenza che racconta molto. Mentre la delegazione di Arno Kompatscher con assessori e parlamentari era ieri all’incontro con la ministra degli Affari regionali Erika Stefani, al...

Bolzano. Una coincidenza che racconta molto. Mentre la delegazione di Arno Kompatscher con assessori e parlamentari era ieri all’incontro con la ministra degli Affari regionali Erika Stefani, al ministero della Sanità la ministra Giulia Grillo (M5S) riceveva un gruppo di consiglieri regionali pentastellati. Tra questi, il bolzanino Diego Nicolini. E mentre in un ministero si protestava contro la «offensiva» del M5S contro la sanità altoatesina, all’altro tavolo, riferisce Nicolini, «è stato detto che il ministro continuerà a puntare sulle ispezioni negli ospedali delle diverse regioni, perché sulla sanità il ministero ha solo funzioni di controllo». Gli ospedali di Bolzano e Brunico sono stati appena oggetto di una visita degli ispettori. «Immagino che arriveranno ancora, quando servirà. Il ministero non si ferma perché Kompatscher si arrabbia», così Nicolini.

Il tema più toccato ieri, le liste di attesa. Nicolini: «La sanità è sostanzialmente materia riservata alle Regioni e Province, che come nel caso dell'Alto Adige sono poco collaborative nel risolvere il problema dei tempi di attesa troppo lunghi. Abbiamo individuato degli strumenti per esercitare maggiore pressione».