la storia

Giuseppe Tardio, soldato eroe: forza la finestra e salva il vicino 

Gesto eroico. Il militare di Laives, in forza al Quarto Reggimento “Altair”, premiato con il massimo riconoscimento Per soccorrere l’anziano vicino si è arrampicato fino al primo piano ed è entrato in casa prestandogli le prime cure



LAIVES. Giuseppe Tardio, militare residente a Laives, è stato insignito con uno dei massimi riconoscimenti militari per essersi distinto, «con profondo senso del dovere, competenza, passione e spiccata iniziativa».

La mattina del 25 luglio 2022, Tardio era rientrato alla propria abitazione dopo aver effettuato un turno di servizio notturno. Insospettito dal fatto che non vedeva il proprio anziano vicino di casa da circa un paio di giorni, aveva provato a contattarlo, invano, e così aveva deciso di andare a controllare di persona nell’abitazione dell’anziano. Con una scala è quindi salito fino a una finestra del primo piano e da lì ha visto l’anziano disteso a terra. Il militare non ha esitato un secondo: ha forzato la finestra ed è entrato per soccorrere l’anziano a terra incosciente, prestandogli i primi soccorsi e chiamando il 112, salvandogli la vita.

Giuseppe Tardio è originario di Trabia, ma risiede a Laives ormai da vent’anni e come suo figlio Andrea è in forza al Quarto Reggimento Aviazione Esercito “Altair” sotto la guida esperta del colonnello Luca Giannini.

A raccontare questa vicenda (che altrimenti sarebbe rimasta nell’ambito dell’ambiente militare) è Antonio Cantoro, consigliere comunale a Laives (FdI) e collega di Giuseppe Tardio. Come recita la motivazione del riconoscimento ufficiale, Tardio “con profondo senso del dovere, competenza, passione e spiccata iniziativa” non ha esitato un attimo e una volta verificato che l’uomo era effettivamente in gravi difficoltà è intervenuto tempestivamente prestandogli i primi soccorsi con competenza, per poi chiamare i soccorsi, iniziativa che, con ogni probabilità, ha salvato la vita all’anziano. Non è la prima volta del resto che persone sole vengono rinvenute prive di vita dopo molti giorni.













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)