Marina Abramović alla Royal Academy of Arts di Londra



(ANSA) - LONDRA, 24 MAG - Sarà una grande retrospettiva sulla poetica artistica di Marina Abramović quella organizzata il prossimo autunno dalla Royal Academy di Londra: dal 23 settembre all'1 gennaio 2024 verranno presentate fotografie, video, oggetti, installazioni e quattro delle performance più importanti dell'artista, che saranno replicate dal vivo nelle gallerie. La mostra, organizzata in stretta collaborazione con la celebre artista serba, offrirà una panoramica della sua straordinaria arte in oltre 50 anni di carriera, dagli inizi a oggi.
    Formatasi inizialmente come pittrice presso l'Accademia di Belle Arti di Belgrado, Marina Abramović si è rivolta nei primi anni '70 alla 'performance art', stabilendo in modo sperimentale i tratti distintivi della sua poetica: azioni quotidiane ritualizzate attraverso la ripetizione e la resistenza.
    L'artista è una pioniera nell'uso del corpo vivo e ha costantemente testato i limiti della propria tolleranza fisica e mentale. Abramović ha continuato a creare in uno spazio tra il personale e il sociale, il concettuale e l'esistenziale, il fisico e lo spirituale. In mostra a Londra anche il lavoro realizzato tra il 1975 e il 1988 in collaborazione con il partner di allora, l'artista tedesco Ulay. Le quattro performance, tra le sue più significative, sono 'Imponderabilia' del 1977, 'Nude with Skeleton' del 2002, 'The House with the Ocean View' sempre del 2002 e 'Luminosity' del 1997.
    L'esposizione, curata da Andrea Tarsia, direttore delle mostre della Royal Academy of Arts, è aperta dal 23 settembre al primo gennaio 2024, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18 e il venerdì fino alle 21.
    Per maggiori informazioni e conoscere gli orari delle performance dal vivo: royalacademy.org.uk (ANSA).
   









Altre notizie



Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)