IL CASO

Bressanone, cancelli contro i biker. I malgari: "Causano danni e rischi per i camminatori"

Le barriere vengono innalzate sui terreni privati sulla Plose. "Con le bici elettriche la convivenza con i pedoni sta diventando impossibile" (foto Fabio De Villa)

BRESSANONE. Per impedire il passaggio dei biker si passa alle maniere forti: alcuni privati stanno addirittura montando dei cancelli. Si tratta di contadini e malgari di alcune zone della Plose, che lamentano il disturbo e danni causati dai ciclisti in mountain bike lungo i sentieri di montagna.

Per le mountain bike, dicono i contadini, ci sono i nuovi tracciati nel Bikepark della Plose. "Il problema - aggiungono alcuni malgari della Plose -sono poi queste biciclette elettriche di ultima generazione. Fino a qualche hanno fa questo problema infatti non esisteva. Ora, la convivenza di bici e pedoni sui nostri sentieri di montagna sta diventando davvero impossibile e si rischia di farsi davvero male".

La manutenzione dei sentieri - viene sottolineato - "è un lavoro impegnativo, faticoso, che noi malgari e le associazioni con i volontari fanno con spirito di servizio e per un forte senso di appartenenza alla montagna stessa".

I danni causati dai ciclisti costringono anche a intervenire per sostituire tabelle rotte o rubate. Inoltre, quando sentieri stretti e ripidi, dalla manutenzione già problematica, vengono usati con le biciclette come itinerari da discesa, c'è il pericolo di scontro fra bici e pedoni.