le nomine

Comitato etico della Provincia di Bolzano, entrano Crazzolara e Marcadent

Confermati dalla giunta 10 membri su 12: alla guida Herber Heidegger

BOLZANO. I membri del comitato etico provinciale sono stati nominati dalla Giunta in occasione della decorrenza del mandato triennale precedente. Con 2 nuovi membri su 12 si punta sulla continuità.

Il comitato etico provinciale funge da organo consultivo dell'amministrazione provinciale per quanto riguarda questioni etiche legate alla tutela della salute e alla medicina. Con Herbert Heidegger in funzione di presidente e Georg Marckmann come suo sostituto, il comitato già da anni è impegnato per promuovere una cultura decisionale etica in ambito sanitario. "Nel campo della tutela della salute, le problematiche etiche sono onnipresenti, e gli sviluppi in termini scientifici e della società ci pongono di fronte a interrogativi sempre nuovi. La consulenza da parte di persone esperte in questo settore ci offre quindi un aiuto da cui non possiamo prescindere", sottolinea l'assessore alla salute Thomas Widmann, che ieri (20 luglio) ha proposto alla Giunta provinciale la delibera relativa al rinnovo della nomina. Cambiano i nomi di due membri su dodici. Si tratta dell'endocrinologa Dalia Crazzolara e del medico di medicina generale Ugo Marcadent.

"Abbiamo potuto confermare la maggioranza dei membri perché abbiamo la fortuna di poter contare su rappresentanti non solo molto competenti e impegnati, ma anche stimati ed apprezzati tanto dal mondo professionale quanto dalla popolazione", specifica Widmann.

"L'etica nella vita quotidiana è una continua lotta per la giusta decisione", racconta Herbert Heidegger, che presiede il comitato già dal 2007.

Diversi i progetti da affrontare durante il nuovo mandato, che vanno dall'elaborazione dell'Advance Care Planning (pianificazione anticipata dell'assistenza) alla formazione e messa in pratica di una facilitazione della comunicazione qualificata, l'elaborazione e l'impiego di piani di emergenza, il confronto con il tema del "suicidio assistito", l'accompagnamento e il coordinamento dei gruppi di consulenza etica e l'elaborazione di prese di posizione e pareri su temi di attualità.