L'EMERGENZA

Covid-19, da martedì 24 novembre tornano le lezioni in presenza nelle materne ed elementari

Nella giornata di lunedì 23 novembre, Giunta provinciale e amministrazione scolastica avranno ancora il tempo di valutare le questioni logistiche e organizzative, soprattutto alla luce dell’esito del progetto Test rapidi in Alto Adige, e potranno prendere eventuali ulteriori decisioni

BOLZANO. La Giunta provinciale, nel pomeriggio di oggi (18 novembre) ha discusso il riavvio delle lezioni in presenza presso scuole e strutture di assistenza alla prima infanzia dopo le limitazioni della settimana in corso a causa dell’emergenza legata alle infezioni da Covid-19. L'esecutivo di Palazzo Widmann ha deciso che, a partire da martedì 24 novembre, potranno riprendere le lezioni in presenza presso tutte le scuole elementari dell’Alto Adige. Il tutto, naturalmente, nel rigoroso rispetto dei protocolli di igiene e sicurezza. Attività didattiche e pedagogiche in presenza anche per le scuole materne e per le strutture di assistenza alla prima infanzia, mentre le prime classi delle scuole medie manterranno la didattica a distanza per la durata dell’ordinanza attualmente in vigore, che scade il 29 novembre.

Nella giornata di lunedì 23 novembre, Giunta provinciale e amministrazione scolastica avranno ancora il tempo di valutare le questioni logistiche e organizzative legate alla ripresa delle lezioni in presenza, soprattutto alla luce dell’esito del progetto Test rapidi in Alto Adige, e potranno prendere eventuali ulteriori decisioni. Ciò potrebbe riguardare, ad esempio, la presenza di personale insegnante in isolamento, oppure l’insorgere di situazioni che, a livello di singoli comuni o di singole scuole, richiede ulteriori interventi. Contemporaneamente, l’amministrazione provinciale sta lavorando affinchè il personale insegnante, al di là dello screening diffuso di questo fine-settimana, abbia la possibilità di svolgere dei test a cadenza periodica, in modo tale da ridurre il rischio di infezioni non solo per docenti, collaboratori e collaboratrici, ma anche per gli stessi bambini e scolari.