Emergenza

Senzatetto, il sindaco Bianchi: «Laives è pronta a fare la sua parte»

Il Comune della Bassa incalzato anche da «Bolzano Solidale». Il primo cittadino: «Il vecchio Cas? Ideale. Distruggere il prefabbricato non è stata una bella idea»

IL CASO Freddo: rifugio di emergenza per 25 senzatetto nella palestra di una scuola a Bolzano 
SOLIDALI Perse la vita nel gelo della città, alla famiglia di Mostafa le donazioni dei bolzanini 


Massimiliano Bona


LAIVES. Incalzato da Bolzano Solidale, associazione che da sempre si occupa degli ultimi (in particolare migranti e senzatetto), il sindaco di Laives Christian Bianchi non si chiama fuori dalla partita per dare una mano a Bolzano e ospitare chi non ha un posto caldo in cui dormire. L'unico problema è costituito dalla mancanza di edifici di proprietà.

«Il Cas di Laives? Come molti ricorderanno - sottolinea il primo cittadino - venne ritenuto una best practice e ci è valso un premio. Detto questo, come molti sanno, il prefabbricato nei mesi seguenti è stato raso al suolo. Con il senno di poi possiamo dire che non è stata, probabilmente, un'idea brillante. La Provincia, forse, non voleva più pagare il contratto di affitto alla Cassa edile, che è proprietaria dell'area. Oggi sarebbe stato un sito ideale, fruibile quasi a costo zero. Se la Provincia dovesse individuare un'area alternativa a Laives saremmo pronti a fare la nostra parte».

Per Federica Franchi, presidente di Bozen Solidale «in piena emergenza senza fissa dimora, tra strategie emergenziali e imbarazzanti querelle in cui le persone vengono di fatto spostate come pacchi postali, ci chiediamo perché il Cas di Laives, composto principalmente da una struttura prefabbricata in legno, sia stato demolito per far posto ad un parcheggio (in zona industriale)».

»Era una struttura che funzionava ed ospitava 60 persone migranti - aggiunge - lo chiediamo perché da mesi sentiamo i soliti proclami e le solite manfrine su "Bolzano città ha già dato tanto", "Serve l'aiuto dei Comuni di tutto l'Alto Adige" eccetera. Giusto, ci viene da dire, che ci sia solidarietà tra Comuni, ma allora perché demolire una struttura di accoglienza a Laives?». Una domanda legittima che probabilmente resterà senza risposta.

















Altre notizie







Attualità