IL CASO

Medico parla di morte anomala dopo il vaccino, l'Asl vuole chiarezza

La notizia del decesso è stata diffusa in un video sulla pagina Facebook del gruppo di medici e farmacisti no vax "Wir Noi"

BOLZANO. Finisce in procura a Bolzano il caso di un medico deceduto nei giorni scorsi.

La vittima è Cornel Strüning, di nazionalità tedesca, medico odontoiatra dell'ospedale di Bressanone.

Un collega, Josef Peterhans, ha postato su Facebook un video nel quale ipotizza un nesso causale fra la somministrazione di due dosi di vaccino anti-Covid ed il decesso.

L'Azienda sanitaria dell'Alto Adige ha inviato la cartella clinica in Procura. Il video è stato pubblicato in lingua tedesca su Facebook dal gruppo di medici e farmacisti no vax "Wir Noi".

Il medico sostiene che il collega, dopo il secondo vaccino effettuato all’ospedale di Bressanone, avrebbe accusato forti dolori alle articolazioni, febbre e aritmie cardiache. Tre settimane dopo avrebbe subito un ictus e, dopo un periodo in Terapia intensiva, è deceduto a Bolzano. La direzione Asl reagisce alle accuse.

L’Ordine dei medici e degli odontoiatri si riunirà per valutare scientificamente e deontologicamente l’accaduto.

«Le direzioni mediche degli ospedali di Bolzano e Bressanone nei quali è stato trattato il medico deceduto - scrive l’Asl - hanno inoltrato il referto agli uffici giudiziari del Tribunale di Bolzano. Rientra nell’ambito della Procura intraprendere i passi successivi. Direzione Asl, Comprensori di Bolzano e Bressanone e direzioni mediche di Bolzano e Bressanone sono impegnate a produrre alla Procura tutte le informazioni inerenti al caso ed assicurano collaborazione fattiva. Il caso è stato segnalato a VigiFarmaco, centro di farmacovigilanza di Aifa».

Nel video - che ieri correva sui telefonini - il dottor Josef Peterhans, medico e dentista, da 17 anni con studio a Bolzano, parla del collega deceduto. «Il vaccino è inefficace e pericoloso e io non me lo farò somministrare».