BOLZANO

Thaler, da 300 anni la passione per la bellezza

Sette piani in pieno centro dedicati a tutto ciò che è bello e sano: con una storia di 300 anni alle spalle, l’esempio di un’azienda che guarda al futuro e ha saputo rinnovarsi in maniera intelligente

Sono poche le realtà commerciali a Bolzano che possono vantare una storia di oltre 300 anni: tra queste c’è Thaler, che dal lontano 1763 ha sede in pieno centro, sotto i Portici. Un'attività iniziata con il commercio di beni coloniali e che nel corso del tempo è riuscita a rinnovarsi in maniera intelligente, sempre guardando al presente e al futuro. Oggi questa impresa famigliare si è trasformata in uno dei più forniti e raffinati negozi specializzati nei settori della profumeria, della drogheria e dell'alimentazione naturale. Sette piani nel centro di Bolzano dedicati a tutto ciò che è bello e sano.

La storia di casa Thaler è ricchissima di avvenimenti: era il 1754 quando Josef Anton Thaler avviò in città la prima attività di commercio di beni e prodotti coloniali. "Beni come il pepe e altre spezie erano molto preziosi. E Bolzano è sempre stata una città commerciale", racconta l'amministratore delegato Christian Kaspareth. Più tardi fu costruita la ferrovia. Bolzano divenne un centro commerciale sempre più importante e sotto gli antichi portici fiorivano i negozi e le botteghe, tra cui il negozio principale di Thaler, che è qui ancor oggi. Con l’andare del tempo, i prodotti coloniali furono via via sostituiti dai cosmetici, articoli e preparati farmaceutici, erbe medicinali e saponi. A quel tempo l'azienda era una “Medizinaldrogerie”. Seguirono tempi burrascosi.

Hans Schwienbacher rilevò la drogheria nel 1946 e la riaprì. "Non c'era più niente, solo il nome e la storia”, racconta oggi il nipote. Lentamente, iniziò la ripresa, anche grazie al “boom economico”. L'azienda aprì diverse filiali e si specializzò sempre di più. Oltre alle drogherie, vennero aperte profumerie, un negozio di alimenti salutari e un commercio all’ingrosso. Oggi l'azienda conta ben 120 collaboratori e un fatturato costante di 20 milioni di euro.

Vedere e acquistare. Thaler è rimasto fedele alle sue radici in Alto Adige, dove gestisce 24 negozi. L'azienda è ancora nelle mani della famiglia Schwienbacher-Kaspareth: "Veronika Schwienbacher, Erich Kaspareth e Heidi Schwienbacher sono ancora oggi tutti attivi", conferma Christian Kaspareth. Il passaggio al mondo digitale, con i cambiamenti e le sfide che questo ha comportato nelle abitudini dei consumatori e nelle modalità di acquisto, è ora nelle sue mani. "Bisogna confrontarsi con cose nuove, per dare ai clienti sempre il meglio. Ecco perché ci diamo da fare per migliorarci sempre. È il nostro mestiere, la nostra vita”. Lui stesso è un fan dei suoi prodotti e confessa: "Mi piacciono le cose belle che offriamo. E penso che la gente apprezzi il fatto che non siamo una compagnia anonima”. Thaler è ben noto in Italia per i suoi cosmetici e prodotti di profumeria di alta qualità. "Oltre alla consulenza, offriamo anche attenzione alle necessità particolari del singolo cliente", sottolinea Christian Kaspareth. Da alcuni anni, Thaler è entrato anche nel settore della gastronomia, con un ristorante interno allo store. Nel negozio si trovano anche bellissimi accessori per la casa. "Tutto ciò che si vede nel nostro negozio può essere acquistato – anche nel ristorante – vogliamo essere anche qui una fonte di ispirazione". Il Ristorante e il Bar & Café Thaler sono gestiti da Flora Oberhauser, moglie di Christian Kaspareth e sempre attivissima. Suo il merito di essere riuscita a rinnovare la tradizionale qualità di casa Thaler con una cucina squisita, un'atmosfera unica e un ambiente elegante.

I collaboratori. Rendere possibile l'impossibile è l'obiettivo del team di Thaler. Questo significa offrire al cliente il miglior servizio possibile. Fare shopping in un ambiente bellissimo è un valore aggiunto molto apprezzato. Anche dal capo: "Mi piace vivere in questo ambiente. Ci sono sempre molte cose da scoprire". La sua sfida principale è trovare dipendenti motivati. "Anche se ci sono così tanti disoccupati. Una settimana di sei giorni non è per tutti. Come datori di lavoro dobbiamo offrire modelli professionali interessanti. In ciò sta la grande sfida. Perché un'impresa è valida solo se lo sono i suoi collaboratori. Kaspareth è convinto che nel mercato globale ci sia abbastanza posto per tutti.

Thaler srl,
Via Dei Portici 69
39100 Bolzano
Tel. 0471 313000
Web: www.thaler.bz.it