maltempo

Tempeste in Alto Adige, l'impegno dei Vigili del Fuoco di Fleres

Vigili del fuoco e volontari in azione sin dalle prime ore della mattina di oggi 6 agosto per ripulire le aree interessate dagli smottamenti dopo il violento nubifragio di ieri sera. I Vigili stanno collaborando con i servizi provinciali e le imprese edili locali. Nelle foto scattate dalla squadra di Fleres le operazioni di rimozione dei detriti e di messa in sicurezza di strade e abitati







Gallerie

maltempo

Tempeste in Alto Adige, l'impegno dei Vigili del Fuoco di Fleres

Vigili del fuoco e volontari in azione sin dalle prime ore della mattina di oggi 6 agosto per ripulire le aree interessate dagli smottamenti dopo il violento nubifragio di ieri sera. I Vigili stanno collaborando con i servizi provinciali e le imprese edili locali. Nelle foto scattate dalla squadra di Fleres le operazioni di rimozione dei detriti e di messa in sicurezza di strade e abitati

Le immagini

Strade cancellate dal fango, abitazioni allagate: le foto del disastro in Alto Adige

Mille vigili del fuoco impegnati dal pomeriggio di ieri (5 agosto) e tutta la notte per cercare di arginare i danni del violento nubifragio che si è abbattuto sull'Alto Adige: Fleres, Valdaora, Val Badia, San Vigilio, Anterselva, Cengles, Val Martello e Brunico le zone più colpite. Ecco le foto scattate dai 50 Corpi dei vigili del fuoco impegnati negli interventi

Le immagini

Schianto tra due auto nella notte sulla statale della Valle Aurina

Grave incidente stradale ieri sera (4 agosto) poco prima della mezzanotte con due macchine coinvolte sulla strada statale della Valle Aurina. I vigili del fuoco hanno provveduto al ripristino della sede stradale e alla rimozione dei mezzi, nonché a supportare le operazioni di soccorso - in intervento con soccorso sanitario e Forze dell'ordine (foto vigili del fuoco volontari Villa Ottone)

Ucraina: Papa, unica cosa ragionevole fermarsi e negoziare

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 31 LUG - "Anche durante il viaggio (in Canada, ndr) non ho mai spesso di pregare per il popolo ucraino, aggredito e martoriato, chiedendo a Dio di liberarlo dal flagello della guerra". Lo ha detto papa Francesco all'Angelus. "Se si guardasse alla realtà oggettivamente considerando i danni che ogni giorno di guerra porta a quella popolazione ma anche al mondo intero, l'unica cosa ragionevole da fare sarebbe fermarsi e negoziare. Che La saggezza ispiri passi concreti di pace", ha aggiunto il Pontefice. (ANSA).









Altre notizie









Attualità